Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 4 - Una demo inferiore alle aspettative

Questa demo non ha mostrato nulla di innovativo: Bandai doveva forse pubblicare una sessione di gioco inedita?

scritto da
Vota questo articolo
(4 Voti)
PS4 XONE PC
Lo scontro da cui tutto ebbe inizio Lo scontro da cui tutto ebbe inizio

Giovedì 17 dicembre la demo di Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 4 ha fatto la sua comparsa sugli store digitali Playstation e Xbox. Era stata annunciata in pompa magna qualche settimana fa da Bandai Namco, accompagnata da un lungo e spettacolare trailer, e tutti i fan del ninja biondo che finora non avevano mai messo mano sulle prime sequenze di gioco del titolo – me compreso – hanno segnato la data sul calendario, contando i giorni mancanti al rilascio della versione di prova.

Il quarto capitolo – quarto solo per numerazione ufficiale, perché in realtà la serie Storm vanta già cinque iterazioni grazie a due spin off – delle avventure videoludiche di Naruto è uno dei videogiochi che più attendo per il 2016, viste le ottime basi poste dalla saga le mie aspettative sono piuttosto alte. La demo di Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 4, tuttavia, pur essendo ancora sicuro che il prodotto finale sarà di altissimo livello, le ha leggermente deluse ma ora esaminiamola nel dettaglio oggettivamente.

Scontro epico tra due ninja leggendari

Come da tradizione si può giocare in anteprima quello che, probabilmente, sarà il livello di apertura della modalità storia e vivere lo scontro titanico tra Madara Uchiha e Hashirama Senju – il Primo Hokage – nei panni di quest'ultimo, il ninja dotato dell’arte del legno. Dal punto di vista artistico e visivo i ragazzi di CyberConnect 2, ancora una volta, non deludono: i colori, le animazioni e le espressioni facciali sono rese, forse, ancor meglio dell’anime stesso. Piacevoli aggiunte dal punto di vista registico e narrativo fanno da sfondo a una battaglia che non solo immerge totalmente nell’atmosfera "narutiana", ma anzi rendono l’approccio videoludico molto più spettacolare rispetto all’opera originale firmata da Masashi Kishimoto.

Impersonando Hashirama Senju, veniamo subito catapultati su un ambiente di gioco che, ahimè, è ancora poco interattivo rispetto alle azioni dei personaggi sullo schermo, ed è già un tripudio di tecniche ninja, scatti con il chakra e cazzotti leggendari, il tutto contornato da qualche piccolo quick time event. La seconda parte dello scontro diventa ancora più mastodontica, poiché siamo chiamati ad affrontare la Volpe a Nove Code, rivestita con il Susano’o di Madara, il tutto in groppa su un gigantesco golem di legno. Terminata questa fase – che soffre di una eccessiva ripetitività, che sarebbe potuta essere evitata inserendo qualche variazione nelle mosse del golem – parte l’ultimo, spettacolare QTE.

Nulla di nuovo sotto il sole

Sotto il lato tecnico c’è poco da dire: il nostro Matteo Bruno vi ha già spiegato in passato tutte le novità del gameplay, avendo provato questa e diverse altre sequenze di gioco in larga anteprima. In generale, da Ultimate Ninja Storm 4 mi aspetto pochi accorgimenti su un gameplay quasi perfetto che ben rappresenta i duelli tra shinobi, con piacevoli ritorni come la possibilità di portare lo scontro sulle pareti, qualora ve ne siano. Ciò su cui bisogna ragionare, a mio parere, è il marketing che Bandai Namco ha operato attorno al  titolo, che è poi il motivo principale per cui questa demo è stata deludente.

Oltre al fatto che la sequenza di gioco in sé sia stata estremamente poco longeva – sono sufficienti pochi minuti per portarla a compimento – abbiamo assistito a qualcosa di visto e rivisto. Negli ultimi mesi sono stati diffusi sul web tanti, forse troppi, video gameplay e trailer raffiguranti questo e altri scontri: il duello tra Madara e Hashirama è stato riproposto in tanti di quei video al punto che, almeno personalmente, il livello di sfida e difficoltà nella demo è stato praticamente nullo, conoscendo già a menadito cosa sarei andato a giocare. E, di certo, non ha giovato il livestream di un’ora avvenuto alcuni giorni prima la release della demo: durante la diretta – della quale poi è stato riproposto più volte il podcast – è stata mostrata proprio questa demo, oltre che alcuni scontri random tra pochi personaggi disponibili. Quest’ultima dimostrazione è stata anche abbastanza illusoria, poiché credevo che, oltre a poter vivere la boss battle tra il Primo Hokage e il suo malvagio rivale, come d’altronde è stato, avrei potuto anche accedere a una modalità versus per toccare con mano il gameplay vero e proprio.

Ovviamente non è stato così e, a due mesi mancanti al lancio ufficiale di Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 4 mi ritrovo con l’amaro in bocca per aver saggiato così poco di un titolo così tanto pubblicizzato e che si prospetta così ricco, tra un roster che conterà almeno un centinaio di personaggi giocabili, il doppio dei collezionabili e una modalità Storia estremamente ben curata. Mi consola sapere che manca ormai davvero poco e, come già detto in precedenza, è quasi impossibile deludere seriamente le aspettative. L’appuntamento finale con la Quarta Grande Guerra dei Ninja avverrà per la prima volta su console di nuova generazione e il salto tecnico non farà che giovare ad un prodotto con delle fondamenta più che solide.

Gabriele Laurino

Sono Gabriele, ma chiamatemi pure Gabbo. Universitario, stagista radiofonico e aspirante giornalista. Appassionato ovviamente di videogames, ma anche di cinema, letteratura, serie tv, anime, manga e comics. I generi videoludici che amo di più sono i gdr, i picchiaduro, gli sportivi e i free roaming. Il mio videogioco preferito in assoluto è indubbiamente Kingdom Hearts. Il mio obiettivo, al momento, è farmi strada in questo settore, in modo da poter unire l'esperienza giornalistica alla passione per i videogames.