Tom Clancy's The Division E3 2015 - Occhio ai vostri alleati!

Coopera, tradisci. Il gameplay dell'E3 ci ha mostrato che dobbiamo tenere d'occhio chiunque...

scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)
PS4 XONE PC
La Dark Zone mostra la sua pericolosità! La Dark Zone mostra la sua pericolosità!

Tanti sono i titoli a cui i videogiocatori sono interessati, soprattutto dopo quest’ultimo E3 che ha riservato molte sorprese. Uno di questi, anche se è stato svelato quasi due anni fa, è Tom Clancy’s: The Division, ambizioso sparatutto MMORPG online di Ubisoft che ha da subito catturato l’attenzione di molti. Sarà per la sua ambientazione post-apocalittica o per le premesse che la compagnia ha fatto riguardante il gameplay e le particolarità che offrirà, fatto sta che è diventato ormai un prodotto su cui i giocatori vogliono mettere le mani. Per questo motivo non poteva mancare all’E3 2015 di Ubisoft, dove è stato protagonista con un nuovo trailer gameplay.

Un virus pazzesco!

Come nasce l’ambientazione post-apocalittica di The Division? Da un virus, questa volta però non ha nulla a che vedere con zombie o strani mostri, questa pandemia nasce da alcuni germi che si nascondono nelle banconote. Proprio durante il famoso “Black Friday” (periodo in cui ci sono sconti molto interessanti su diversi prodotti) l’espansione di questo virus ha inizio, dopotutto quale occasione migliore per infettare quante più persone possibili?

Così, poco a poco, la società va sgretolandosi, al punto tale che mettere le mani su cibo ed acqua diventa un’impresa ardua. A questo punto, per evitare il peggio, nasce un’unità speciale per evitare che la situazione peggiori ulteriormente, la Strategic Homeland Division, di cui fa parte anche il personaggio creato dal giocatore. Si tratta di un gruppo segreto, quindi non deve dare troppo nell’occhio ma allo stesso tempo ottenere più informazioni possibili sul virus e coloro che l’hanno creato.

Non mancano le azioni stealth in questo gioco! Per questo motivo il protagonista dovrà affrontare diverse sfide, sia per sopravvivere che per capire chi abbia dato il via al folle piano che ha cambiato il mondo. Una trama che con il tempo offrirà sempre più colpi di scena, ma la parte più interessante, almeno secondo il mio parere, è il gameplay.

Amico o nemico?

The Division non è sicuramente il primo prodotto che unisce gli sparatutto con il mondo degli RPG online, basti pensare a Defiance. Oltre ad ottenere nuovi equipaggiamenti, sia dai nemici che tramite altri metodi, il nostro personaggio può imparare diverse abilità, che sono necessarie sia per supportare gli alleati che per dare problemi a chi è contro di noi. Come nella maggior parte dei casi, una volta utilizzata una skill bisognerà attendere qualche istante prima di utilizzarla di nuovo, come capita in molti RPG, sia online che non.

Ma passiamo adesso a qualcosa di più interessante, ovvero a quelle che secondo me sono le caratteristiche più particolari di questo titolo. Prima di tutto, grazie al nuovo trailer gameplay rilasciato da Ubisoft durante l’E3 2015, abbiamo notato che il virus non è solo un pretesto narrativo, ma sarà parte integrante del gioco. Durante l’esplorazione infatti, uno dei giocatori presenti trova un’arma, questa però è contaminata e non può essere utilizzata immediatamente. A quanto pare bisognerà “purificarla” in qualche modo, probabilmente ci sarà qualche negozio addetto nelle diverse città disponibili.

Ecco la mappa che sarà presente nel gioco A mio avviso è un gran colpo di genio, anche se può sembrare una cosa da poco rende l’ambientazione più coerente. La cosa che più mi ha colpito di questo gioco, che secondo me lo rende abbastanza diverso dagli altri, è la possibilità di tradire i propri alleati. Come avrete notato anche voi, verso la fine del nuovo video uno dei personaggi decide di abbandonare il gruppo, uccidere gli altri, e tenersi per sé tutto il malloppo.

Questa è probabilmente la caratteristica che preferisco di più di The Division, per ora sembra che sia presente solo nell’area PvP denominata “Dark Zone”, ma spero sinceramentequesta possibilità di tradire sia disponibile anche nella campagna principale, visto che c’è comunque si può creare un gruppo. In questo modo il giocatore non dovrà solo stare attento ai nemici, ma anche ai suoi “alleati” che potrebbero pugnalarlo alle spalle in qualsiasi momento.

L’ora X si avvicina

Dopo tanti rinvii e problemi con lo sviluppo, durante l’E3 di quest’anno Ubisoft ha anche svelato la data di uscita di The Division. Ma non solo, perché i giocatori potranno mettere le mani qualche mese prima grazie alla beta, che arriverà prima su Xbox One nel mese di dicembre, mentre su PC e PlayStation 4 dovremo aspettare il 2016. Sicuramente per queste due piattaforme arriverà nei primi due mesi del prossimo anno, visto che l’uscita è prevista per l’8 marzo 2016, sperando che non ci siano altri posticipi dell’ultimo minuto.

Uno scontro su un tetto di un palazzoA questo punto non mi resta che salutarvi con il nuovo video gameplay di Tom Clancy’s: The Division, sperando che le speranze dei giocatori che aspettano con ansia questo prodotto non vengano tradite.

Francesco Giordano

Amante dei videogiochi da quando era bambino, ha iniziato la sua avventura con un Commodore 64. La sua prima esperienza nel mondo della redazione invece risale a qualche anno fa, saltando di sito in sito fino ad arrivare a Kingdomgame. I suoi generi preferiti sono i Giochi di Ruolo Giapponesi, Dungeon Crawler e di Avventura. Conosce anche qualche MMO, soprattutto quelli gratis, visto che non dovendo pagare se ne approfitta e, almeno per provare, li scarica. Pericolosissimi sono i giochi dove si possono creare personaggi, di solito tende a cancellare e iniziare nuovamente la partita per provare tutte le classi o altro, terminando tardi o proprio mai alcuni titoli.