ROG al CES sembra aver cambiato nome in RGB

LED rgb e overclock sia per utenti Intel che AMD

scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
HARDWARE

Direttamente dal CES la divisione top di gamma di asus porta novità in tutti i campi, dalle motherboard agli ultrabook da gaming.

Partendo dalle schede madri intel abbiamo la B150I Pro Gaming/Wi-Fi/Aura e la ROG Maximus VIII Formula.

 

La prima è una z170 mini-itx dotata di sistema Aura, wifi ac, slot m.2 , fan header per la pompa in caso di impianto liquido, dual slot per RAM DDR4 esupreme Fx per l'audio.

La seconda è una ATX, semrpe per processori skylake, dotata di ROG armor , copertura nera in plasma copper (rame) che protegge il pcb della scheda. L'esigenza da cui nasce il colore totalmente nero opaco della scheda risiene nella personalizzazaione. Per renderla compatibile con più build possibili è stato optato epr un colore stealth con illuminazione led programmabile, con connettori per strisce 5050 rgb nella parte bassa della sceda, per creare una continuità tra l'illuminazione del case e quello della motherboard, senza però rinunciare, o obbligare gli utenti ad acquistare determinati componenti o meno perchè hanno una colorazione che non si sposa con altri componenti.  Come altre schede rog del passato ha integrato un waterblock per le fasi di alimentazione della cpu (vrm)  così da abbassarne notevolmente la temperatura e garantire un maggiore overclock con più stabilità.

Per la controparte AMD, che secondo l'azienda è stata trascurata ultimamente per quanto riguarda le motherboard RGB, Rog ha creato la ASUS 970 Pro Gaming/Aura,  una delle prime mobo amd con supporto nvidia SLI. Come tutte le seire /Aura è dotata di illuminazione RGB con annessi header per connettere strisce led nel case. In aggiunta è dotata di slot M.2 e 2 usb  3.1.

 

Passando ai monitor sono stati annunciati l' MG28UQ,MG24UQ fratello più piccolo del primo e il top di gamma ROG Swift PG348Q. Tutti monitor 4k con 1ms di tempo di risposta. I due MG sono compatibili con supporto VESA, mentre lo swift è un 34" curvo 3440x1440 in standard 21/9. Dedicato ai gamer con pc più potenti è dotato di tecnologia V-synch a 100Hz. Nella parte inferiore troviamo un fascio di laser rossi che proiettano sul tavolo un motivo, che ritroviamo anche sul fisso che vedremo tra poco, che ricorda molto un reattore futuristico.

 

Il ROG GT51 è un desktop da gaming con un i7.6700k e con due TITAN X in sli per gestire al meglio i giochi con risoluzione 4k su setup surround a tre monitor. Come già per altri fissi ROG tramite un tasto potremo overclockare in automatico tutto il sistema (a scapito delle temperature dato che solitamente quando si overclocka tramite softare, come l'ai suite dalle z77 sempre asus, che usava un voltaggio leggermente più alto per considerare stabile l'overclock). Purtroppo su un sitema così potente trovare un AIO da soli 120mm non lascia molto spazio per l'overclock. Avendo come scheda madre la Maximus VII sopra citata, avrà anche connettività usb 3.1. Prima di passare al pezzo grosso della presentazione, è stato mostrato un kit tastiera e mouse full rgb, con tasti meccanici. La ROG Claymore è una tasitiera meccanica a switch cherry MX rgb (si potrà scegliere comunque la tipologia di switch che più ci paice tra i red, blue, brown e black). La sua particolarità è il numpad staccapile e attaccabile dall'altro lato, come una tastiera a membrana della Mad Catz. Potrà essere sincronizzata con tutto l'ecosistema ROG, sia per quanto riguarda l'illuminazione che per alcune macro che permetteranno di aumentare/ridurre la velocità delle ventole, accendere il pc, overclockare CPU e RAM e anche accesso al bios. Come il mouse ha una struttura in alluminio. Il ROG SPARTHA è un mouse wireless o wired da ben 8200dpi con 12 pulsanti programmabili, con possibilità di sostituzione degli switch dei classici tasti destro e siniatro nel caso non ci piacciano quelli di fabbrica. Per concludere è stao presentato un dock esterno per GPU simile al Core di Razer che permetterà di unire, in futuro, il mondo del desktop gamign e quello della produttività, creando un ultrabook per uso office, con annessa gpu per giocare a casa senza compromettere troppo le prestazioni.

Purtoppo per tutti questi prodotti non ci sono acnora prezzi o date di rilascio, ma vi terremo informati.

 

 

 

 

 

Simone Andreini

Cresciuto a pane e Sony (ps1/2/3 Psp e ps vita) sono approdato sul mondo del pc gaming e me ne sono innamorato. Un pc non è degno di quel nome se non è eccessivamente potente, altrimenti è un computer da ufficio, soprattutto se non ha almeno un paio di led!
amante di quasi tutti i generi videoludici a parte gli mmorpg di impianto fantasy.