Il day one di Uncharted 4 si aprirà con una patch da 5 gb

Il nuovo e attesissimo titolo targato Naughty Dog non si presenta nel migliore dei modi

scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)
Ah queste patch Ah queste patch

Manca davvero poco al giorno fatidico, quel 10 maggio che finalmente ci consegnerà fra le mani il quarto, e probabilmente ultimo capitolo, della saga di Nathan Drake. In queste ultime settimane la Naughty Dog ha voluto farci venire l'acquolina in bocca, regalandoci vari gameplay di breve o media durate, in cui possiamo vedere i primi muscoli di questo nuovo capitolo. L'esclusiva PS4 si presenta veramente bene, e promette di essere un capolavoro senza se e senza ma. L'unico problema è dato dall'annuncio giunto proprio oggi, direttamente da Naughty Dog, la quale ha affermata di rilasciare proprio il giorno del Day One, una patch da ben 5 gigabyte, per risolvere alcuni problemi (bug innanzitutto) e supportare multiplayer e bonus. Dunque non un avvio perfetto per la software house.

Nonostante tutto il gioco è richiestissimo, tanto da aver spinto alcune persone a trafugare delle copie del gioco mentre venivano trasportate in UK. Ma non preoccupatevi perchè stando alle parole di Shuhei Yoshida, Naughty Dog e Polizia stanno lavorando per catturare i colpevoli, dunque niente panico. Bisogna solo aspettare il 10 maggio e poi gustarsi questa nuova avventura di Nathan Drake.

Qui sotto vi elenchiamo ciò che ha richiesto la patch da 5 gb:

  • Multiplayer support

  • Single player Encounter Select

  • Bonus Feature: Photo Mode

  • Bonus Feature: Character Model Viewer

  • Bonus Feature: Render Modes

  • Bonus Feature: Gameplay Modes

  • Bonus Feature: Single-player Modes

  • Bonus Feature: Weapon Selector

  • Bonus Feature: Journal Viewer

  • Bonus Feature: Concept Art Galleries

  • General Fixes and Improvements

 

Mauro Brisacani

Mauro Brisacani nasce a Bari nell'ormai lontano 1995. La passione per i videogiochi lo accompagna sin dalla tenera età quando mise le mani sul suo primo PC. Studente presso l'Università degli studi di Bari, sogna di divenire un giornalista e/o critico videoludico o sportivo.