Apple Store rifiuta un platform a sfondo politico

Apple avrebbe rifiutato un platform indipendente perché "inappropriato" alla categoria Giochi.

scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)
Un titolo dark e forte nelle tematiche! Un titolo dark e forte nelle tematiche!

Recentemente, il portale per le applicazioni Apple Store avrebbe rifiutato il gioco Liyla and The Shadows of War perché "a sfondo politico". Apple, infatti, avrebbe inviato un preciso responso allo sviluppatore Rasheed Abueideh, in cui la stessa azienda afferma di non valutare Liyla come un vero e proprio gioco:"La preghiamo di rimuovere la propria applicazione dalla sezione Giochi, in quanto non appropriata, e piazzarla nelle categorie News o Fonti."

Lo stesso sviluppatore, però, crede che sia proprio il sottotesto politico la motivazione principale per il reclamo di Apple, in quanto lo stesso gioco, un platform in 2D con grafica in bianco e nero, si focalizza proprio sulla vita decadente degli abitanti della Striscia di Gaza; il giocatore deve navigare attraverso una perpetua situazione di guerra e cercare un rifugio, fronteggiandosi con delle tipiche sezioni da puzzle game.

Il titolo però, per fortuna, è stato accolto dallo store di Google Play ed è presente come download gratuito nello Store, per chi fosse interessato a questo coraggioso progetto indipendente portato avanti solo da una persona. Inoltre, ha ricevuto anche alcuni premi importanti al Reboot Develop Indie Awards in Croazia, venendo quindi risaltato per la sua natura forte e provocatoria, e sta ottenendo recensioni stellari sullo store di Android, quindi finalmente questo titolo sta avendo la giusta rivalsa.

E' un bene che il mezzo videoludico si espanda e riesca ad andare a toccare tematiche ed argomenti molto vicini a noi, per evolversi e riconfermarsi ancora una volta come uno dei medium artistici più potenti della storia dell'uomo, ma è anche vero che notizie del genere sono deplorevoli per il nostro mercato e non vorremmo mai sentirle, sono sconfitte non indifferenti per chi i videogiochi li produce e per chi ne usufruisce, nonché un tentativo malsano di tarpare le ali a grandi artisti e alla libera espressione di cui l'uomo necessita da sempre.

Fonte: Polygon.com

Anthony Gatto

Anthony è un ragazzo che nutre una passione viscerale per i videogiochi sin da piccolo e che ha deciso di farne un lavoro, in cui mettere in risalto il suo amore per una forma d'arte che lo accompagna ormai da sempre e condividere con tutti la voglia di discutere e confrontarsi sull'arte videoludica