EA Play 2016: Battlefield 1, la conferma che chiude la conferenza

DICE fa doppietta alla fine della conferenza, presentando a tutti Battlefield 1.

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
Un nuovo capitolo del caposaldo DICE sta arrivando! Un nuovo capitolo del caposaldo DICE sta arrivando!

Dopo un titolo DICE, passiamo ad un altro titolo della stessa software-house, stavolta più conosciuto: Battlefield 1. Un titolo attesissimo dal grande pubblico, questo nuovo FPS basato sulla Prima Guerra Mondiale, cambia totalmente le carte in tavola; un breve footage dal gioco ci viene mostrato, poi viene passata la parola a Patrick Bach, il General Manager di DICE, che parla di come le ambizioni per questo nuovo capitolo siano grandi e potenti per il franchise, coinvolgendo anche la community.

Viene quindi annunciato che verrà mostrato il gameplay, con la presenza degli attori Jamie Foxx e Zac Efron, che fanno parte di due squadre diverse e si sfideranno tra loro dopo l'EA Play. Patrick Bach parla poi in maniera più specifica delle meccaniche, dedicando una piccola parentesi in merito alla possibilità di ospitare fino a 64 giocatori nel multiplayer. Subito dopo si parla della varietà di veicoli (come il Behemoth, un vero e proprio dirigibile, o l'inedita presenza dei cavalli) e di armi o la distruzione dinamica del mondo di gioco, che impatta l'approccio alla battaglia, oppure il tempo atmosferico dinamico, che cambierà l'approccio al gameplay e la visibilità nel campo di battaglia.

Non sono novità grosse, quelle che abbiamo davanti per questo nuovo Battlefield, bisognerà quindi valutare in futuro (o all'uscita, che avverrà il 21 ottobre per PlayStation 4, Xbox One e PC) se questo titolo non sia solo un restyling della serie spacciato per qualcosa d'innovativo o se ci saranno seriamente delle grosse novità che cambieranno tutto e porteranno la giusta ventata di aria fresca che la serie meriterebbe da parecchio tempo.

 

 

Il trailer presentato all'EA Play!
Anthony Gatto

Anthony è un ragazzo che nutre una passione viscerale per i videogiochi sin da piccolo e che ha deciso di farne un lavoro, in cui mettere in risalto il suo amore per una forma d'arte che lo accompagna ormai da sempre e condividere con tutti la voglia di discutere e confrontarsi sull'arte videoludica