Il co-fondatore di Playdead lascia lo studio

Dino Patti ha deciso di intraprendere una nuova strada.

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
Un pilastro di una promettente azienda se ne va! Un pilastro di una promettente azienda se ne va!

Playdead è una delle aziende videoludiche provenienti dall'industria indipendente più di successo, avendo ottenuto nel corso degli ultimi anni grande riconoscimento grazie all'ormai simbolico Limbo, titolo ormai diventato una delle colonne portanti del mondo contemporaneo dei videogiochi, e il recentissimo Inside che sta ottenendo grandi consensi da pubblico e critica.

Nonostante ciò, arriva una notizia non molto felice dall'azienda, in quanto Dino Patti, il co-fondatore di Playdead, ha dichiarato tramite un post su Twitter di aver lasciato definitivamente lo studio con le testuali parole: "Dopo 10 incredibili anni in cui abbiamo costruito Playdead da un'idea a due grandi colpi nell'industria videoludica, lascio per cercare nuove sfide."

Un messaggio lapidario, breve e conciso che sancisce definitivamente una dipartita aziendale, in cui uno dei pilastri di una promettente azienda decide malgrado tutto di intraprendere coraggiosamente una nuova strada, facendo quasi un atto simile a quello di Ken Levine alla chiusura di Irrational Games.

Una notizia quanto meno inaspettata se consideriamo che Playdead sta cominciando solo ora ad emergere in quanto azienda debuttante sul mercato e con il bis di Inside di sicuro non ci si aspettava eventuali divisioni, soprattutto da una carica così alta. Non ci resta che sperare che questa decisione porti a grandi frutti in futuro e che apra la strada a Patti per eventuali nuove e grandi avventure nell'immenso parco dei videogiochi.

Fonte: Gematsu.com

Anthony Gatto

Anthony è un ragazzo che nutre una passione viscerale per i videogiochi sin da piccolo e che ha deciso di farne un lavoro, in cui mettere in risalto il suo amore per una forma d'arte che lo accompagna ormai da sempre e condividere con tutti la voglia di discutere e confrontarsi sull'arte videoludica