Il creatore di Deadly Premonition lascia Access Games

Hidetaka Suehiro lascia l'azienda dopo un anno di pausa dovuto a problemi di salute.

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
Il discusso sviluppatore abbandona l'azienda! Il discusso sviluppatore abbandona l'azienda!

 

Ci arriva una notizia non felice direttamente dal Giappone: Hidetaka Suehiro, conosciuto da molti come Swery65, ha deciso definitivamente di abbandonare Access Games, in seguito ad una lunga pausa durata un anno e causata da gravi problemi di salute ed una lotta estenuante contro l'ipoglicemia reattiva, che lo aveva tenuto lontano dall'industria videoludica e nell'assoluto silenzio.

A dircelo è proprio lo stesso sviluppatore attraverso un post su Twitter"Sfortunatamente, sono uscito da Access Games dopo tutto. Comunque non preoccupatevi, la mia salute sta lentamente migliorando. Vi voglio bene!" Per i grandi cultori del mondo videoludico giapponese, è un colpo non indifferente da metabolizzare, soprattutto dopo 12 anni di onorata carriera all'interno di una compagnia che lo ha sempre supportato. Suehiro è sempre stato un creatore eccentrico e coraggioso, capace di creare titoli discussi e chiacchierati, di grande culto, come Extermination, Spy Fiction, The Last Blade, il recentissimo D4 e soprattutto Deadly Premonition, titolo divisivo ancora oggi tra critica e pubblico per la sua natura estremamente particolare. Gira anche voce che lo stesso sviluppatore abbia lasciato la software-house anche per problemi di gestione, come spesso accade in questi casi, quindi la situazione pare essere un po' più nebulosa di quanto sembri.

Come al solito, auguriamo a Suehiro un futuro più roseo di quanto accaduto nel difficoltoso anno passato, nella speranza che possa ancora continuare a dare sfogo alla propria creatività senza ulteriori ostacoli. 

Fonte: Kotaku.com

Anthony Gatto

Anthony è un ragazzo che nutre una passione viscerale per i videogiochi sin da piccolo e che ha deciso di farne un lavoro, in cui mettere in risalto il suo amore per una forma d'arte che lo accompagna ormai da sempre e condividere con tutti la voglia di discutere e confrontarsi sull'arte videoludica