Insomniac starebbe puntando molto sulla nascente realtà della VR

Ted Price è un grande supporter di queste nuove piattaforme.

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
Gli sviluppatori di Ratchet & Clank sono convinti di questa scelta! Gli sviluppatori di Ratchet & Clank sono convinti di questa scelta!

Insomniac Games è una software-house molto importante per quanto riguarda l'industria videoludica odierna, non solo per quanto riguarda la qualità dei suoi titoli e le sue creazioni diventate di culto come Ratchet & Clank, Spyro, Resistance o il recentissimo Sunset Overdrive, ma anche per la sua duttilità nei generi e la volontà di sperimentare idee nuove in un medium così sfaccettato e complesso, anche con piattaforme nuove e diverse.

Non è un caso quindi che il fondatore dell'azienda, Ted Price, abbia espresso il suo enorme entusiasmo e apprezzamento per le nuove piattaforme legate alla Realtà Virtuale, in un'intervista che spiega approfonditamente ciò che egli stesso pensa in merito. Innanzitutto, Price spiega sin da subito che per vedere concretezza nel mondo della VR servirà molta pazienza, in quanto secondo lui servirà ancora tempo per accettarla come nuovo paradigma d'intrattenimento e che come sempre l'approccio con le nuove tecnologie è particolarmente traumatico per gli utenti. Inoltre, allargando l'intero discorso legato al futuro della Realtà Virtuale, parla di come essa rivoluzionerà non solo il concetto classico del gaming, ma anche quello educativo e didattico, anche grazie al supporto di grandi aziende che stanno puntando tantissimo economicamente su di essa. Si discute anche di come la Realtà Virtuale abbia influito tantissimo sullo sviluppo dei titoli di Insomniac, in quanto ci si prepone di sperimentare ancora di più persino al di fuori di questo mondo, per creare un contesto di continua evoluzione. Secondo lo stesso Price, però, gli sviluppatori non sono ancora riusciti a trovare una vera identità al suo interno, in quanto si sta cercando ancora di sperimentare per scoprire vari metodi di approccio con queste piattaforme, ma che sicuramente si evolverà e assumerà una forza tutta sua. Il fatto di essere tra i primi sviluppatori in una realtà nascente come la VR è, secondo Price, un punto a favore, soprattutto in seguito alla loro esperienza non esaltante nel mondo del mobile, perché l'evoluzione del medium potrebbe portare ad una crescita parallela anche dei team di sviluppo che vi sono approcciati fin da subito, soprattutto per quanto riguarda nuovi metodi per narrare una storia profonda e matura o nella creazione di grandi mondi aperti e interattivi. Chiaramente, si finisce discutendo del prossimo futuro per la software-house, della volontà di farsi conoscere anche in alcuni lati nascosti, ben lontani dall'animo caciarone e divertito dei loro titoli del passato, cercando di lasciare spazio anche a storie più mature, riflessive e importanti e infine crescere e mutare la propria immagine per conseguire obiettivi sempre più ambiziosi.

D'altro canto, come ben sappiamo l'azienda ha in cantiere ben 3 titoli in rilascio per VR, il già pubblicato Edge of Nowhere, The Unspoken e Feral Rites, progetti molto differenti l'uno dall'altro e che puntano a portare in campo prospettive diverse sulla piattaforma, ma è anche vero che attualmente sia a lavoro sul nuovo titolo dedicato a Spider-Man su PlayStation 4, quindi possiamo ben intendere che Insomniac non si concentrerà solo su questa realtà, ma continuerà ad espandersi su larga scala anche su piattaforme casalinghe, non rinnegando quindi le sue origini pur guardando al futuro. Un grande progetto che promette espansione e sperimentazione continua, alla ricerca di nuovi modi per esprimere sé stessi attraverso il videogioco e provare con mano nuove frontiere ed orizzonti, una filosofia sicuramente stimolante ed un'unione tra tradizionalismo e innovazione che potrebbe portare all'azienda un futuro davvero promettente.

Fonte: Polygon.com

Anthony Gatto

Anthony è un ragazzo che nutre una passione viscerale per i videogiochi sin da piccolo e che ha deciso di farne un lavoro, in cui mettere in risalto il suo amore per una forma d'arte che lo accompagna ormai da sempre e condividere con tutti la voglia di discutere e confrontarsi sull'arte videoludica