Il retrò (gaming) è di moda anche alla Games Week

I direttori dell'eventi raddoppiano lo spazio dedicato al retrò gaming rispetto all'anno passato

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
Manca poco! Manca poco!

Manca poco più di un mese all'edizione 2014 della fiera videoludica più importante sul suolo italiano, stiamo parlando ovviamente della Games Week. Dato che l'evento è ormai imminente la redazione della fiera ha iniziato a rilasciare indicazioni riguardo ai padiglioni nella prossima edizione. Oggi è stata infatti confermata la presenza del padiglione dedicato al retrogaming, simile a quello dell'edizione passata ma ancora più grande, in collaborazione con GamesCollection.it VideoGamesHistory.

Tutti gli appassionati delle vecchie console potranno quindi ritrovarsi anche quest'anno nel padiglione esclusivo Milan Games Week Retro che li accoglierà nel fantastico mondo retrò su una superficie di 170 metri quadrati. In questo enorme spazio verranno riesumati vecchi capolavori di consoles quali: Vectrex (la prima console casalinga con grafica vettoriale), Twin Famicom, Amiga CD32, Fm Towns Marty, Nuon, Neo Geo, Creativision, 3DO, Atari Jaguar, ma anche grandi classici come Nintendo Nes, Commodore 64, Megadrive, Super Nintendo, Playstation, Atari 2600 e altri ancora.

Oltre alla fantastica raccolta di consoles e videogames dei bei tempi ormai andati gli ospiti troveranno anche una sezione dedicata a tornei e sfide sui grandi classici videoludici. Vi sarà anche una mostra di artwork originali delle copertine di storiche riviste videoludiche come Zzap!, Crash! e Amtix e cover di giochi presentati dalla Thalamus Software e LucasArts.

Oltre a queste meravigliose collezioni da guardare e da provare vi parteciperanno all'evento anche ospiti d'eccezione quali Oliver Frey, celebre illustratore e autore degli artwork in mostra e Roger Kean, fondatore di Crash!.

Matteo Bruno

Appassionato di videogames, di manga, film e libri fantasy. Sempre pronto a dire la sua e a cercare tutte le novità riguardo agli argomenti a lui cari.