Quando una Software House riesce a sorprendere i videogiocatori

Perché non tutte le persone che scaricano illegalmente sono uguali

scritto da
Vota questo articolo
(3 Voti)
Un regalo inatteso Un regalo inatteso

Come in molti già sapranno, This War of Mine è disponibile dal 14 novembre e, come sempre accade, è già possibile scaricarlo senza pagare su The Pirate Bay. Lo sappiamo tutti, la pirateria è un enorme problema che ormai affligge il panorama videoludico da numerosi anni e a cui non si è ancora trovata una soluzione. Numerose Software House e piccoli team indipendenti hanno detto la loro riguardo l'argomento, alle volte cercando di dialogare con i diretti interessati e, in altri casi, aggiungendo particolari e invadenti feature che, a conti fatti, hanno danneggiato solo chi il gioco lo acquistava legalmente. Anche 11 bit Studios ha voluto rispondere alla situazione, ma ha voluto farlo a modo suo regalando 10 copie (ovviamente legali) del loro gioco. Lo studio ha infatti rilasciato un messaggio tra i commenti di The Pirate Bay in cui è possibile leggere:

"Sono Karol e faccio parte degli 11 bit Studios, gli sviluppatori di This War of Mine.

Siamo davvero felici di sapere che il nostro gioco vi piaccia. Ci avete dimostrato che questi 2 lunghi anni di lavoro sono stati ben sfruttati.

Per questo motivo vorrei ringraziare tutti voi che avete deciso di sostenerci comprando il gioco, cosa che ci permetterà di sviluppare nuovi aggiornamenti per This War of Mine e creare giochi addirittura migliori in futuro.

Se però, a causa di qualche vostro motivo personale non vi è stato possibile acquistare il titolo, non c'è nessun problema. Sappiamo come va la vita e sappiamo che, a volte, non è sempre possibile avere tutto.

Qui per voi ci sono alcuni codici che vi permetteranno di ottenere una vostra copia personale di This War of Mine. Se dopo averci giocato per qualche ora doveste trovare il titolo di vostro gradimento, speriamo solo che diffondiate la parola, ci aiutereste molto."

Dopo aver scritto questo, il team di sviluppo a poi rilasciato le 10 chiavi Steam tra i commenti del sito che, ovviamente, sono andate a ruba.

"Bisogna considerare che non tutti coloro che piratano un gioco sono uguali. Naturalmente ci sono persone che scaricano illegalmente qualsiasi cosa, costasse anche solo 10 centesimi, ma la verità è che non ci possiamo fare niente. Spesso, però, ci dimentichiamo che esistono anche altre persone, videogiocatori che fanno quel che fanno perché scontenti della scadente qualità di un gioco o perché, in quel momento, non possono permettersi i fondi necessari per acquistare un determinato titolo. Ecco perché crediamo che non sia giusto trattare tutti allo stesso modo, definendo i "pirati" come le persone più malvagie del pianeta. Riteniamo invece che sia molto meglio cercare di trovare una soluzione di cui possano beneficare tutti in qualche modo" Ha riferito Pawel Miechowski a Polygon.

La scelta fatta dal team di sviluppo sembrerebbe essere stata molto apprezzata, almeno secondo quanto letto nei commenti di The Pirate Bay, con numerose persone che hanno offerto il loro aiuto al fine di pubblicizzare il titolo.

Luca Di Carlo

Sono un grande amante di videogiochi, cartoni animati, fumetti e dolci che preferisce passare la giornata a videogiocare piuttosto che a studiare per i corsi d'esame all'università; essendo anche un grande casanova, ho scoperto il mio primo vero amore dopo aver attaccato la spina della mia Playstation 1 alla corrente.