Nintendo si tuffa nel mondo delle app.

Nintendo sta aprendo le porte al mondo delle app per mobile e parte col botto grazie a Miitomo.

scritto da
Vota questo articolo
(3 Voti)
MOBILE
Pronti a trasformarvi ? Pronti a trasformarvi ?

La cara Nintendo ha ufficialmente aperto le registrazioni per il nuovo Nintendo Account System, dopo il rilascio in giappone, e anche per la nuova app Miitomo. Per il momento solo nei seguenti paesi.

Il nuovo sistema di account della casa nipponica, sarà molto semplice ed intuitivo infatti basterà utilizzare i portali di Nintendo o i vari social network come Facebook, Twitter, Google+, oltre che alla cara e vecchia e-mail. Il servizio di account Nintendo permetterà agli utenti di acquistare direttamente dal proprio smartphone i vari prodotti sul catalogo della grande N, leggere notifiche, riprodurre musica ecc...

Inoltre è stato introdotto un nuovo sistema di raccolta punti che andrà a sostituire l'ormai defunto Club Nintendo che avrà il nome di MyNintendo. Per quanto riguardo invece Miitomo possiamo dire che questa nuova app “born in nintendo” sarà un crocevia tra social network e messaggistica istantanea, con le stesse funzionalità che hanno reso celebri i Mii su Wii (grande fantasia).

Qui di seguito vi illustriamo le features:

  • La possibilità di personalizzare il proprio avatar, scegliendo da una serie di oggetti nelle varie gallerie (proprio come i Mii)

  • Poter usare i nostri avatar per comunicare sui vari social network

  • Condividere e modificare foto con il classico tocco divertente e strano di nintendo

La release di questa nuova app gratuita è prevista per marzo, Nintendo ha già dichiarato che per chi si registrerà prima del lancio ci saranno dei piccoli regali, dunque se siete pronti a tuffarvi in questo nuovo progetto non vi resta che compilare il modulo che vi lasciamo qui.  

Mauro Brisacani

Mauro Brisacani nasce a Bari nell'ormai lontano 1995. La passione per i videogiochi lo accompagna sin dalla tenera età quando mise le mani sul suo primo PC. Studente presso l'Università degli studi di Bari, sogna di divenire un giornalista e/o critico videoludico o sportivo.