Palmer Luckey lascia Oculus VR

Il co-fondatore di Oculus Vr lascai l'azienda.

scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
PC
Un ritiro prematuro per uno dei padri della realtà virtuale Un ritiro prematuro per uno dei padri della realtà virtuale

Palmer lascia oggi sia Oculus VR, l'azienda che ha partecipato a fondare, e Facebook, che la comprò nel 2014 per poco più di 2 miliardi di dollari.

La notizia arriva dopo una spirale di eventi negativi che ha affossato la fama di quello che era diventato il volto di Oculus Rift nell'ultimo anno, tanto che già da diverso tempo i suoi incarichi pubblici erano stati progressivametne ridotti.

In particolare i fan non hanno gradito il sostegno economico ad un gruppo pro-Donald Trump che promuoveva notizie false contro la candidata democratica Hilary Clinton. Persino molti sviluppatori hanno ritirato il proprio supporto a Oculus dopo la diffusione della notizia.

Altra nota dolente si è rivelata la controversia legale con Zenimax; sempre nel 2014 l'azienda, proprietaria di Bethesda e Id Software tra le altre, ha perseguito legalmente Palmer accusandolo di aver sottratto preziose risorse, in quanto non in possesso delle conosceze da programmatore necessarie a realizzare qualcosa di complesso come un visore a realtà virtuale; avrebbe quindi utilizzato software e altro materiale proprietario senza alcun consenso.

In seguito alla causa Palmer dovrà pagare un risarcimento di 500 milioni di dollari a Zenimax.

 

Oculus VR si dice dispiaciuta della decisione e che al team mancherà uno dei pionieri della realtà virtuale agurandogli il meglio.

 

Fonte: Gamespot

Lorenzo Gaetani

Un amante del Fantasy in tutte le sue sfumature, all'inizio coltivata attraverso la lettura, poi i primi computer, i primi giochi e la passione per questo nuovo mezzo narrativo. Inizia a macinare ore di gioco con classici come Aladdin, Diablo 2 e l’immortale Age of Empires 2. Arrivano altre piattaforme e altri videogiochi, ma i generi preferiti sono sempre gli RPG, adorando letteralmente, titoli recenti che hanno unito al fantasy classico le atmosfere cupe di Lovecraft come Darkest Dungeon e Dark Souls Saga.