Chiude l'Oculus Story Studio

Facebook continua il rimodellamento della sua ultima grande acquisizione chiudendo lo studio che aveva prodotto tre fantastici cortometraggi per la realtà virtuale.

scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
HARDWARE PC

Dopo l'uscita di scena di Luckey Palmer, co-fondatore della start-up, e il passaggio ad un ruolo di minore responsabilità dell'altro fondatore Brendan Iribe, ora tocca a Oculus Story Studio.

Una divisione della società dedicata alla produzione di corti cinematografici dedicati alla realtà virtuale, in particolare per Oculus VR e Samsung VR. Aveva già pèrodotto tre storie di buona qualità: Lost, Henry e Dear Angelica ma questo non ha convinto Facebook a mantenere lo studio attivo. Sembrerebbe che l'azienda preferisca puntare su sviluppatori di terze parti per questo tipo di lavori e anche se ha smantellato lo studio e ne ha chiuso i progetti in lavorazione, ha invitato tutti i dipendenti ha cercare impiego presso Oculus.

L'annuncio era piuttosto inaspettato considerando che il corto Henry aveva vinto persino un Emmy, forse quello che manca è la base hardware, ancora scarsa.

 

Fonte polygon

Lorenzo Gaetani

Un amante del Fantasy in tutte le sue sfumature, all'inizio coltivata attraverso la lettura, poi i primi computer, i primi giochi e la passione per questo nuovo mezzo narrativo. Inizia a macinare ore di gioco con classici come Aladdin, Diablo 2 e l’immortale Age of Empires 2. Arrivano altre piattaforme e altri videogiochi, ma i generi preferiti sono sempre gli RPG, adorando letteralmente, titoli recenti che hanno unito al fantasy classico le atmosfere cupe di Lovecraft come Darkest Dungeon e Dark Souls Saga.