UFFICIALE: Oculus Rift ha una data di uscita

Manca meno di un anno all'arrivo del visore per i consumatori

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
PC
Vivere un'avventura in realtà aumentata non è più un semplice sogno Vivere un'avventura in realtà aumentata non è più un semplice sogno

Se ne parlava ormai da più di un anno, ma alla fine Oculus Rift, il visore di realtà aumentata i cui diritti sono stati acquistati da Facebook, ha una data di uscita. A rivelarlo è stata proprio Oculus VR, l'azienda impegnata nello sviluppo del visore, annunciando che l'HMD (Head-Mounted Display) sarà disponibile nel primo quadrimestre del 2016, praticamente tra meno di un anno.

Il modello del Rift, a detta degli sviluppatori, avrà un sistema di tracciatura migliorato, basato sul prototipo Crescent Bay, che permetterà il perfetto utilizzo dell'apparecchio sia seduti che in piedi. Gli altri miglioramenti, invece, includeranno un'aggiornamento dell'ergonomia e una rifinitura nel design stesso. Ecco le immagini del visore:

Quanto detto è tutto ciò che, per ora, ci è dato sapere. Ulteriori dettagli sulle specifiche hardware, il prezzo, i giochi e ulteriori dati tecnici, promettono gli addetti ai lavori, saranno rivelati nel corso delle prossime settimane. Certo è che, insieme agli altri visori annunciati dai vari colossi videoludici (Project Morpheus ad opera di Sony e Hololens in sviluppo presso Microsoft), l'arrivo di Oculus Rift rappresenta per il mondo del gaming una svolta epocale che potrebbe rivoluzionare il modo di giocare di milioni di utenti. Voi cosa ne pensate?

Gabriele Laurino

Sono Gabriele, ma chiamatemi pure Gabbo. Universitario, stagista radiofonico e aspirante giornalista. Appassionato ovviamente di videogames, ma anche di cinema, letteratura, serie tv, anime, manga e comics. I generi videoludici che amo di più sono i gdr, i picchiaduro, gli sportivi e i free roaming. Il mio videogioco preferito in assoluto è indubbiamente Kingdom Hearts. Il mio obiettivo, al momento, è farmi strada in questo settore, in modo da poter unire l'esperienza giornalistica alla passione per i videogames.