Razer presenta il primo mousepad retroilluminato

Se aveste sempre pensato che sulla vostra battlestation mancasse qualcosa, forse Razer ha quel che vi manca!

scritto da
Vota questo articolo
(5 Voti)
PC HARDWARE
Vi bastano 16.8 milioni di colori tra cui scegliere? Vi bastano 16.8 milioni di colori tra cui scegliere?

Razer Firefly è il nome del primo mousepad della casa del serpente caratterizzato dalla cosiddetta "Chroma Lighting", la particolare illuminazione RGB che caratterizza tutti gli ultimi prodotti di casa Razer, permettendo all'utente di personalizzare la propria esperienza d'uso attraverso la scelta del colore della retroilluminazione delle proprie periferiche.
Tra le caratteristiche troviamo una superficie rigida micro-texturizzata, pensata sia per chi predilige un tappetino scorrevole sia che per chi lo preferisce preciso, e ottimizzata per ogni tipo di sensore ottico, sia LED che Laser.

La luminosità può essere impostata su differenti modalità, oltre ai classici "statico", "respiro" e "ciclico" troviamo infatti "onda", nella quale i colori si alternano seguendo una direzione impostata, e la più interessante "reattiva", che, per mezzo del softwer Razer Synapse, permette al mousepad di illuminarsi in sincronia con i click del mouse, se anch'esso di marca Razer.



La connettività con il pc è possibile grazie ad una classica porta USB placcata oro, con cavo lungo 2 metri rivestito di tessuto intrecciato; le dimensioni sono pari a 355x255x4mm.

Rispecchiando l'esclusività del prodotto, il prezzo di lancio è di ben 79.99€

Francesco Mogavino

Abbandonate le console dopo aver consumato e distrutto ben tre PS1, sono ritornato su Xbox360 solo per la mia smodata passione per i JRPG.
Cerco ancora un gioco che possa darmi le emozioni di Final Fantasy VIII, divertirmi come un BulletStorm o appassionarmi come AudioSurf. Non cerco la perfezione nei giochi ma solo la capacità di trasmettere emozioni e divertimento.
La PC Master Race scorre forte in me, la passione e curiosità per il mondo dell'hardware è cresciuta a dismisura da quando me ne avvicinai molti anni fa grazie ad una rivista di giochi per pc.
E se il pc non regge i 60frame, è la fine.
Sono salito sulla nave Kingdomgame cogliendo l'opportunità di espandere e condividere la mia passione con la mia razza, i Gamers.