Rise of Incarnates chiude, i server rimarranno agibili fino al 15 dicembre

Bandai Namco conferma, le ore del picchiaduro free-to-play sono contate.

scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)
PC
A voi mancherà? A voi mancherà?

E' inutile girarci intorno quindi ve lo dirò chiaramente e fin da subito: Rise of Incarnates chiuderà ufficialmente i battenti il prossimo 15 dicembre. La notizia arriva direttamente da Bandai Namco Entertainment ed è quindi ufficiale e pone la parola fine sul titolo picchiaduro free-to-play del publisher nipponico. Una durata di vita alquanto striminzita, considerato che il gioco era apparso su Steam appena il 1 giugno scorso. A partire dal giorno di oggi tutti gli acquisti in-game saranno sospesi e tutti i personaggi, sia quelli già sbloccati che non saranno accessibili gratuitamente a chiunque voglia giocare.

"Dobbiamo informare con rammarico a tutti gli utenti della chiusura di "Rise of Incarnates. Ringraziamo sinceramente coloro che hanno supportato questo gioco. Manterremo i server aperti fino al 15 dicembre 2015, quindi continuate a divertirvi con Rise of Incarnates fino alla fine." Parole tristi che provengono direttamente dall'ufficio stampa di Namco e che di certo rattristano ancor di più gli sviluppatori e chi ha creduto in questo progetto.

Questa news probabilmente lascerà indifferenti gran parte di voi poichè pochi conoscono questo titolo o ci giocano, io stesso l'avevo provato al momento del suo lancio per poi abbandonarlo poco dopo. Il prodotto confezionato non era affatto male, un sistema di combattimento abbastanza divertente e ben bilanciato era arricchito da una buona caratterizzazione dei personaggi ma che purtroppo non ha saputo cogliere nel segno. Forse Bandai Namco con questo titolo ha tentato di entrare nel mondo degli esports Free to Play, attualmente dominato dai MOBA, ci sarebbero diversi aspetti da esaminare ma per ora non possiamo che augurare buon divertimento a chi continuerà ad usufruire del titolo fino al giorno della chiusura e inviare una virtuale pacca sulla spalla agli sviluppatori.

Matteo Bruno

Appassionato di videogames, di manga, film e libri fantasy. Sempre pronto a dire la sua e a cercare tutte le novità riguardo agli argomenti a lui cari.