Rivelate nuove informazioni sul sequel cancellato di Sleeping Dogs

Svelati alcuni elementi che avrebbero composto il seguito dell'open world di United Front.

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
PS3 PS4 XBOX 360 XONE PC
Scopriamo qualcosa in più sul seguito che non ha mai visto la luce. Scopriamo qualcosa in più sul seguito che non ha mai visto la luce.

Le ultime settimane sono state scandite da tanti eventi, positivi e negativi, e alcuni tra questi hanno colpito una piccola casa sviluppatrice ormai non più esistente, United Front Games. Basti pensare alla cancellazione del loro nuovo titolo, Smash + Grab e un mese dopo la chiusura definitiva dello studio, che ha segnato l'addio ad una delle software-houses più promettenti della loro generazione.

Oltre ai buonissimi LittleBigPlanet Karting e ModNation Racers, il vero grande titolo per cui è famosa questa casa sviluppatrice è Sleeping Dogs, considerato all'unanimità come uno dei titoli action open-world più interessanti e ben fatti della settima generazione di videogiochi, che nella sua mancanza di innovazione riusciva comunque a divertire e offrire un'esperienza di forte spessore, sia narrativo che ludico. Proprio in occasione dell'arrivo del titolo negli Games with Gold di dicembre, veniamo a scoprire alcuni elementi fondamentali che avrebbero caratterizzato il seguito del gioco, dal setting al gameplay.

Il gioco si sarebbe ambientato a Pearl River Megacity, una grande metropoli cinese in cui Wei Shen sarebbe tornato come protagonista assieme al partner corrotto, Henry Fang. Il gioco, quindi, ci avrebbe permesso di giocare interpretando entrambi i personaggi in una narrativa univoca, potendo arrestare qualunque NPC in città. Le azioni di altri giocatori avrebbero invece cambiato le dinamiche della città, tendenzialmente la cosa si sarebbe evoluta ripulendo il crimine in un'area per spostarsi a quella successiva e cambiando quindi le sorti del luogo. Inoltre sarebbe stata sviluppata una companion app per tablet atta a chiamare elicotteri e monitorare la criminalità in ogni quartiere

Ma, come sapete, le cose non sono andate benissimo, e anzi dalle fonti pare che il gioco sia stato cancellato addirittura già nel 2013, quindi ancor prima che entrasse in sviluppo questo gioco, rendendo di fatto le idee riportate sopra delle semplicissime bozze di ciò che poteva essere creato (ragion per cui non abbiamo nessuna foto o documento attinente a questo seguito). Grande disappunto e delusione per questo seguito mai sviluppato, in quanto il concept messo in campo ha idee molto brillanti e decisamente interessanti, che mostrano chiaramente l'iniziale intenzione degli sviluppatori di creare qualcosa di davvero innovativo, soprattutto rispetto al primo capitolo. L'unica speranza è che qualche sviluppatore coraggioso prenda in mano il progetto e tenti di portare avanti il tutto, ma è una cosa decisamente improbabile. Tutto ciò non fa che rendere ancora più amaro e triste l'addio di United Front Games al mondo videoludico.

Fonte: RockPaperShotgun.com

Anthony Gatto

Anthony è un ragazzo che nutre una passione viscerale per i videogiochi sin da piccolo e che ha deciso di farne un lavoro, in cui mettere in risalto il suo amore per una forma d'arte che lo accompagna ormai da sempre e condividere con tutti la voglia di discutere e confrontarsi sull'arte videoludica