Stop ad un futuro troppo Hardcore per Battlefield 4

Il team desidera un un videogioco adatto a tutti

scritto da
Vota questo articolo
(4 Voti)
XONE PS4 PC PS3 XBOX 360
Uno scatto all'edizione da collezione di Battlefield 4 Uno scatto all'edizione da collezione di Battlefield 4

Il vero problema nello sviluppo della serie Battlefield sembra essere quello di mantenere le dovute distanze da un'esperienza che tende ad essere troppo Hardcore, almeno secondo quanto riportato da Lars Gustavsson, Direttore Creativo di Battlefield 4.

Lo ha rivelato in una recente intervista con Polygon, affermando che in più di un'occasione avrebbe messo "dei paletti" al suo team durante lo sviluppo del videogioco.

"Ad essere onesti, il nostro problema non è quello di non pensare agli hardcore, piuttosto, ci sono tante persone come me dietro Battlefield dal '99 o almeno dal 2000, che tutti i giorni sente il bisogno di smettere di andare troppo verso l'esperienza hardcore, abbiamo davvero bisogno di fare un passo indietro ", ha detto Lars Gustavsson durante l'intervista, ricordando che Battlefield dev'essere un brand adatto a tutti.

"Se si guarda al forum degli hardcore, si è letto molte volte 'io non so come operi quest'arma o questo gadget' ed altri rispondono. Questo è bellissimo. E' veramente bello. Ma a volte si ha il bisogno che un gioco sia autoesplicativo, senza per questo diventare stupido."

A questo proposito, DICE ha risposto con una scheda dettagliata per ogni arma, fornendo importanti informazioni ai videogiocatori più appassionati. La scelta del team è quindi quella di rendere Battlefield 4 accessibili a tutti, sia che si tratti di veterani della serie, che nuovi giocatori, promuovento l'espansione di questa importante serie firmata Electronic Arts.

Federico D'Aco

'Old-School' è il termine che più lo rappresenta. Amante dei vecchi classici per console e computer, ha un debole per i titoli e le piattaforme targate Nintendo, alle quale non riesce proprio a dire di no. Qualcuno fra gli amici più stretti afferma di averlo visto possedere e giocare con console targate SEGA, Sony e Microsoft, ma le prove non sono ancora state pubblicate.