FIFA 16 e Leo Messi mostrano il nuovo sistema "No Touch Dribbling"

Sarà possibile operare finte con il corpo senza toccare il pallone

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
PS3 PS4 XBOX 360 XONE PC
Grazie al nuovo sistema di dribbling potremo scatenare tutto il talento di Messi Grazie al nuovo sistema di dribbling potremo scatenare tutto il talento di Messi

Anno dopo anno le simulazioni calcistiche tentano di introdurre nuovi sistemi per rendere i rispettivi gameplay quanto più vicini all'idea reale di calcio. Quest'anno Electronic Arts con FIFA 16, in uscita a settembre su Playstation 4, Playstation 3, Xbox One, Xbox 360 e PC, punterà tutto sul sistema No Touch Dribbling. Gli sviluppatori hanno rilasciato un video nel quale vengono mostrate fasi di motion capture sulle movenze di Lionel Messi.

Ma cos'è esattamente il sistema No Touch Dribbling? E' una nuova feature che permette ai giocatori in FIFA 16 di dribblare senza palla, eseguendo ad esempio finte con il corpo. Il No Touch Dribbling sarà alla portata di tutti, basterà infatti tener premuto L1/LB sul controller per eseguire le finte. Tenendo premuto R2/RT, invece, si potrà accedere a mosse più avanzate. Per capire meglio come funziona questa nuova meccanica potete visualizzare il diario degli sviluppatori in calce al testo: nella clip avrete anche un maestro d'eccezione a spiegare il sistema del No Touch Dribbling, ovvero il campione argentino in persona! Per conoscere meglio tutte le novità che vi aspettano in FIFA 16 vi rimandiamo invece al provato di Matteo Bruno

Ecco il diario degli sviluppatori
Gabriele Laurino

Sono Gabriele, ma chiamatemi pure Gabbo. Universitario, stagista radiofonico e aspirante giornalista. Appassionato ovviamente di videogames, ma anche di cinema, letteratura, serie tv, anime, manga e comics. I generi videoludici che amo di più sono i gdr, i picchiaduro, gli sportivi e i free roaming. Il mio videogioco preferito in assoluto è indubbiamente Kingdom Hearts. Il mio obiettivo, al momento, è farmi strada in questo settore, in modo da poter unire l'esperienza giornalistica alla passione per i videogames.