Kingdom Hearts: ecco il trailer per il terzo capitolo della saga e della collection 2.8

In occasione dell'evento Jump Festa svoltosi in Giappone sono stati mostrati dei nuovi trailer dell'attesissimo titolo Square Enix.

scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)
PS4

il nuovo trailer mostrato in occasione del “Jump Festa”, un evento tenutosi recentemente in giappone, mostra sia Kindom Hearts HD 2.8 e una “sbirciata” a quello che sarà il gameplay di Kingdom Hearts III. Il trailer vi attende a fondo pagina.

Kingdom Hearts HD 2.8 Final Chapter Prologue è una collezione esclusiva Playstation 4 con un remake in alta definizione di Kingdom Hearts 3D: Dream Drop Distance originariamente rilasciato come esclusiva Nintendo 3Ds, una nuova serie di cinematiche chiamate Kingdom Hearts X Back Cover e Kingdom Hearts 0.2: Birth By Sleep- A Fragmentary Passage che, cronologicamente, ha luogo subito dopo l'arco narrativo di Birth by Sleep.

Mentre la collection è in arrivo nel 2016, Kingdom Hearts III non ha ancora una precisa data di uscita.

Nel frattempo, secondo la rivista giapponese Famitsu, gli sviluppatori di Kingdom Hearts stanno collaborando con il team responsabile alla lavorazione del remake di Final Fantasy VII, necessari a quanto pare, per elaborare e adattare il nuovo stile di gioco con il remake lavorando sopratutto sulle nuove aree esplorabili di Midgard, il sistema di combattimento aggiornato e le Limit Break. Avendo Square Enix diviso in questa maniera gli studi di lavorazione, sembrano quasi giustificati gli eccessivi tempi di lavorazione e l'assenza di deadline di produzione, lasciando i fan a bocca asciutta e in costante aspettativa per il prossimo episodio della saga.

Ecco cosa possiamo aspettarci nel futuro di Kingdom Hearts
Roberto TankMan Cirillo

Conosco i videogame da quando ho memoria, non ho particolari gusti anche se la mia serie preferita è Gran Turismo. Adoro ogni forma d'arte; dal cinema alla musica compresi i videogame stessi, i quali hanno saputo trovare il proprio posto all'interno della cultura pop e trascendere il carattere di mero passatempo infantile per imporsi come medium di preferenza di sceneggiatori e registi, dal quale raccontare storie e far vivere sempre nuove esperienze.