Tom Clancy's The Division: i produttori sono fieri dei tempi di sviluppo

Il titolo era stato annunciato quasi tre anni fa

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
PS4 XONE PC
Meno di due mesi all'arrivo del titolo Meno di due mesi all'arrivo del titolo

Dopo mesi di aspettative e attese, l'8 marzo sarà finalmente disponibile Tom Clancy's The Division, lo sparatutto action online targato Ubisoft. Si sa, i fan di un titolo non sono troppo propensi a tempi di sviluppo eccessivamente lunghi, e questo potrebbe essere il caso di The Division, titolo che si è fatto attendere quasi tre anni - era stato annunciato, infatti, durante l'E3 2013.

Magnus Jansén, creative director presso Ubisoft, nonostante questo si è detto pienamente soddisfatto delle tempistiche tenute dalla software house circa la produzione di The Division. Ecco le sue dichiarazioni:

“Sì, il periodo di sviluppo è stato lungo e abbiamo annunciato il gioco nel 2013. Provare a creare un gioco open-world con all’interno la co-op, in termini di sfide dal punto di vista del design, ma soprattutto di quello della narrativa, è qualcosa di inedito che ha richiesto del tempo per essere fatto bene e io sono molto fiero di dove siamo arrivati. Credo che ci siamo arrivati nei tempi giusti. Considerando la moltitudine di novità che abbiamo introdotto, penso che i tempi di sviluppo siano stati abbastanza rapidi. Sono molto felice di dove siamo arrivati e del percorso che ci ha permesso di arrivarci, considerando le innovazioni tecniche e di design che abbiamo creato.”

Tom Clancy's The Division sarà pubblicato su Playstation 4, Xbox One e PC.

 

Gabriele Laurino

Sono Gabriele, ma chiamatemi pure Gabbo. Universitario, stagista radiofonico e aspirante giornalista. Appassionato ovviamente di videogames, ma anche di cinema, letteratura, serie tv, anime, manga e comics. I generi videoludici che amo di più sono i gdr, i picchiaduro, gli sportivi e i free roaming. Il mio videogioco preferito in assoluto è indubbiamente Kingdom Hearts. Il mio obiettivo, al momento, è farmi strada in questo settore, in modo da poter unire l'esperienza giornalistica alla passione per i videogames.