Le donne di One Piece: Burning Blood si mostrano in video

Ecco i moveset di Nami, Nico Robin, Boa Hancock e Perona!

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
PS4 XONE PC PS VITA
Rifatevi gli occhi con queste splendide piratesse! Rifatevi gli occhi con queste splendide piratesse!

Dopo aver visto in azione alcuni uomini - se non altro quelli principali - dell'universo di One Piece, per la gioia dei maschietti è il momento di ammirare il gentil sesso, e quando si tratta delle donne disegnate da Eichiro Oda lo spettacolo è assicurato. Bandai Namco ha pubblicato oggi un nuovo trailer che mostra il gameplay di alcuni personaggi femminili che saranno giocabili in One Piece: Burning Blood, picchiaduro in tre dimensioni che sarà pubblicato il 21 aprile in Giappone e a giugno in terra occidentale.

Godetevi pure il video, disponibile in calce a questo articolo, nel quale Nami, Nico Robin, Boa Hancock e Perona sfoggiano le loro forme prorompenti in un tripudio di mosse a suon di frutti del diavolo, haki e armi varie. Sembra, inoltre, che le quattro piratesse saranno disponibili anche in versioni che comprendono skin in costume da bagno, decisamente poco... piratesche, ma molto apprezzabili. E' probabile che simili costumi saranno concessi tramite DLC  o pre order, in questo senso aspettiamo ulteriori dettagli da parte del publisher.

One Piece: Burning Blood sarà pubblicato per Playstation 4, PS Vita, Xbox One e PC e, dopo tanti anni, riporterà la storia di Monkey D. Rufy in salsa picchiaduro: pronti a tornare a bordo della Thousand Sunny e a solcare i sette mari?

Buona visione!
Gabriele Laurino

Sono Gabriele, ma chiamatemi pure Gabbo. Universitario, stagista radiofonico e aspirante giornalista. Appassionato ovviamente di videogames, ma anche di cinema, letteratura, serie tv, anime, manga e comics. I generi videoludici che amo di più sono i gdr, i picchiaduro, gli sportivi e i free roaming. Il mio videogioco preferito in assoluto è indubbiamente Kingdom Hearts. Il mio obiettivo, al momento, è farmi strada in questo settore, in modo da poter unire l'esperienza giornalistica alla passione per i videogames.