Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 4, il Quartetto del Suono confermato come DLC

Anche i servi di Orochimaru saranno finalmente della partita, anche se in versione pacchettizzata post release

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
PS4 XONE PC
I fan li chiamavano a gran voce già dal primo capitolo della serie I fan li chiamavano a gran voce già dal primo capitolo della serie

Lo avevamo già accennato qualche tempo fa, ma all'epoca la notizia non era più di un semplice rumor, non avendo ricevuto alcuna conferma o smentita da parte di Bandai Namco CyberConnect2. Oggi invece, a pochi giorni mancanti al rilascio di Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm 4, arriva l'ufficialità che tutti i fan aspettavano da anni: il Quartetto del Suono, gruppo di ninja al servizio di Orochimaru che irretisce Sasuke ad abbandonare il villaggio di Konoha nella prima parte del manga, sarà finalmente giocabile e i quattro malvagi ninja saranno disponibili tramite DLC in seguito all'uscita del titolo, quasi sicuramente a pagamento. Se invece sarete abbonati al Season Pass non vi resta che scaricarli gratuitamente.

Il CEO di CyberConnect2 Hiroshi Matsuyama ha dato la notizia affermando che il team di sviluppo ha voluto accontentare i migliaia di fan che chiedevano a gran voce di poter impersonare Jirobo, Kidomaru, Sakon/Ukon e Tayuya e che gli sviluppatori hanno sviscerato per bene le pagine del manga e gli episodi dell'anime in cui il gruppo compare, al fine di studiare in maniera approfondita le loro mosse e riproporle all'interno del videogioco nella maniera più fedele possibile. 

Gabriele Laurino

Sono Gabriele, ma chiamatemi pure Gabbo. Universitario, stagista radiofonico e aspirante giornalista. Appassionato ovviamente di videogames, ma anche di cinema, letteratura, serie tv, anime, manga e comics. I generi videoludici che amo di più sono i gdr, i picchiaduro, gli sportivi e i free roaming. Il mio videogioco preferito in assoluto è indubbiamente Kingdom Hearts. Il mio obiettivo, al momento, è farmi strada in questo settore, in modo da poter unire l'esperienza giornalistica alla passione per i videogames.