7 motivi per amare Doom

La nuova fatica di bethesda sta per vedere la luce e la software house ci spiega perchè dovremmo comprare questo nuovo titolo.

scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)
PS4 XONE PC
Carino l'inferno Carino l'inferno

Bethesda sta per tirare fuori dal cilindro il nuovo capitolo dell'amato FPS, e in comunicato stampa ci propone sette buoni motivi per amare la sua ultima fatica, inoltre la software house statunitense, ci racconta anche piccole perle sul suo nuovo prodotto. Partiamo subito con:

Il fucile a pompa/doppietta, parte della popolarità di DOOM è attribuibile alle sue iconiche armi, compresa l'indimenticabile shotgun (il fucilazzo) originariamente ispirato a un giocattolo (il primo modello è ancora custodito in una teca negli uffici della id Software).

Le schiere demoniache, da armi potenti derivano nemici potenti e questo Doom e la Bethesda lo sanno fare bene. Il nuovo capitolo di idSoftware riporta in auge le sue schiere di demoni, ispirandosi ai titoli originali.

La motosega, si è proprio lei e questa volta avrà anche un ruolo strategico, che non vi diciamo, ve lo vogliamo far scoprire. Un enorme quantità di opzioni, che secondo il progettista Peter Sokal, sono alla base per dominare qualsiasi combattimento di Doom. I combattimenti sostenuti, un evoluzione dei classici combattimenti di Doom che è alla base del gioco stesso.

Le nuove armi: si vanno bene i mostri e la motosega, ma senza un arsenale di armi distruttive, che DOOM sarebbe ? Ed infine le ferite gravi, ebbene si, non basta uccidere con qualche colpo di pistola i mostri, bisogna squartarli e massacrarli per poter sentire la vera potenza del Doom Marine.

Dunque appuntamento sul divano il 13 maggio, per l'inizio dell'inferno.

Mauro Brisacani

Mauro Brisacani nasce a Bari nell'ormai lontano 1995. La passione per i videogiochi lo accompagna sin dalla tenera età quando mise le mani sul suo primo PC. Studente presso l'Università degli studi di Bari, sogna di divenire un giornalista e/o critico videoludico o sportivo.