The Witcher 3: in arrivo un DLC con protagonista... Rutilia!

Dialogare con un cavallo? Sarà possibile

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
PS4 XONE PC
Un guerriero che si rispetti ha sempre il suo fidato destriero Un guerriero che si rispetti ha sempre il suo fidato destriero

The Witcher 3: Wild Hunt, al di là dell'enorme successo riscosso tra pubblico e critica e i premi vinti negli ultimi mesi, ha sempre fatto parlare di sé anche per alcuni bug grafici che, purtroppo, affliggono molte produzioni di grande spessore. In particolare gli utenti hanno spesso riscontrato diverse anomalie sulle sezioni che vedono lo strigo Geralt in sella al suo fedele destriero Rutilia.

Inutile dire che il web si è scatenato fin da subito, creando parodie, video gameplay appositi e persino diversi 'meme'. Tutto questo non è sfuggito al team di CD Projekt RED, che per l'occasione ha preparato una sorpresa speciale per tutti i suoi fan. A quanto pare, insieme all'espansione Blood and Wine, in arrivo nei prossimi mesi, lo studio polacco renderà disponibile anche un DLC con protagonista proprio Rutilia: a quanto pare sarà possibile dialogare con il cavallo di Geralt!

Il DLC avrà un costo piuttosto accessibile, ovvero $4,99 e aggiungerà alcune simpatiche opzioni. A spiegare il lavoro svolto dietro questa nuova espansione è intervenuto April Loofs, Senior Executive Officer of Incremental Revenue Acquisition & Fun presso CD Projekt. Per scoprire di più sul DLC dedicato a Rutilia non dovete fare altro che guardare il video qui sotto... buona visione!

Parlare con Rutilia? Sarà possibile...
Gabriele Laurino

Sono Gabriele, ma chiamatemi pure Gabbo. Universitario, stagista radiofonico e aspirante giornalista. Appassionato ovviamente di videogames, ma anche di cinema, letteratura, serie tv, anime, manga e comics. I generi videoludici che amo di più sono i gdr, i picchiaduro, gli sportivi e i free roaming. Il mio videogioco preferito in assoluto è indubbiamente Kingdom Hearts. Il mio obiettivo, al momento, è farmi strada in questo settore, in modo da poter unire l'esperienza giornalistica alla passione per i videogames.