Neil Druckmann giocherebbe un Uncharted 5 senza Naughty Dog

Che dietro le parole del creative director si nascondano già le basi di un progetto?

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
PS4
Poche settimane al lancio Poche settimane al lancio

Come accade spesso per un titolo Tripla A, il mondo mediatico non dà neanche il tempo alla produzione di approdare sul mercato che già si parla di ipotetici sequel. Fin dal suo annuncio Naughty Dog ha tenuto a precisare che Uncharted 4: Fine di un Ladro sarà l'ultimo capitolo della saga che ha visto protagonista lo scapestrato archeologo avventuriero Nathan Drake e il suo mentore Victor Sullivan.

Neil Druckmann, creative director del titolo, ha però specificato che non gli dispiacerebbe giocare un ipotetico Uncharted 5 sviluppato da un altro team, purché la software house in questione accolga in pieno l'"essenza" dell'amato shooter in terza persona. Certo è che, con l'avvento della nuova generazione, Sony difficilmente si priverà di un marchio così redditizio, specie ora che è in produzione anche una pellicola cinematografica.

Voi giochereste un Uncharted 5 senza la firma di Naughty Dog? Intanto godiamoci l'hype per il quarto capitolo, che arriverà il 10 maggio su Playstation 4. Avete letto il nostro provato basato sulla demo ambientata in Madagascar?

Gabriele Laurino

Sono Gabriele, ma chiamatemi pure Gabbo. Universitario, stagista radiofonico e aspirante giornalista. Appassionato ovviamente di videogames, ma anche di cinema, letteratura, serie tv, anime, manga e comics. I generi videoludici che amo di più sono i gdr, i picchiaduro, gli sportivi e i free roaming. Il mio videogioco preferito in assoluto è indubbiamente Kingdom Hearts. Il mio obiettivo, al momento, è farmi strada in questo settore, in modo da poter unire l'esperienza giornalistica alla passione per i videogames.