Nuove immagini rivelate su Vampyr

Gli autori del mai troppo elogiato Life is Strange rilasciano nuove immagini sulla loro nuova IP

scritto da
Vota questo articolo
(3 Voti)
PC PS4 XONE
Nuove immagini ed informazioni su questo ambizioso titolo! Nuove immagini ed informazioni su questo ambizioso titolo!

La promettente software-house Dontnod Entertainment, già autrice di titoli discussi e più o meno blasonati come i sottovalutato Remember Me e il ben più noto Life is Strange, ha rilasciato nuove immagini, come si vede nella galleria, e nuove informazioni interessante sulla nuova IP Vampyr. Non si tratta del remake del meraviglioso film di George Romero, ma di un nuovo titolo dai tratti cupi e densi di atmosfera, un RPG in cui la narrazione e il setting vampiresco la fanno da padrone e in cui le immagini ci mostrerebbero il dualismo del protagonista (tematica, questa, già affrontata in maniera audace dallo studio nei suoi titoli precedenti).

Parlando in maniera più specifica del gioco, il giocatore prenderà il controllo del Dr. Jonathan Reid, un personaggio contrapposto tra il giuramento ippocratico da lui stesso preso prima di iniziare la professione di dottore, e la costante sete di sangue provocatagli dal vampiro che è dentro di sé. Una premessa narrativa sicuramente molto forte, che aggiunge, a quello che poteva essere un semplice setting horror tra i più classici, un senso di morale ed una divisione narrativa che sicuramente metterà a dura prova anche il giocatore. Il gioco sarà ambientato in una Londra in preda all'influenza spagnola che dividerà ulteriormente lo spirito salvifico del protagonista e la voglia di uccidere delle persone già in difficoltà a causa di una grave piaga.

Proprio su ciò si baserà la struttura di questo gioco, in quanto l'impianto sarà basato sulla progressione del personaggio, che ci permetterà di imparare ed acquisire nuove abilità di persuasione, spostamento, sopravvivenza e combattimento. Ciò metterà il giocatore anche davanti alla scelta di chi poter uccidere per raggiungere il proprio scopo, e non senza conseguenze, in quanto la morte (o la vita) di una sola persona si rifletterà in toto sull'ecosistema della città e lascerà un segno indelebile durante il gioco.

Le premesse, da quanto visto, sono grandiose, e il lavoro costruito dietro a questa IP sembra a dir poco eccezionale, motivo per il quale ha suscitato sin da subito in molti come il sottoscritto tanta curiosità. Che sia finalmente un ritorno ad un modo di fare i videogiochi in cui il gameplay è la trama e viceversa, in cui la coerenza tra design ed esperienza ludica è la cosa fondamentale? Lo vedremo, soprattutto in vista della presentazione del gioco al prossimo E3.

Anthony Gatto

Anthony è un ragazzo che nutre una passione viscerale per i videogiochi sin da piccolo e che ha deciso di farne un lavoro, in cui mettere in risalto il suo amore per una forma d'arte che lo accompagna ormai da sempre e condividere con tutti la voglia di discutere e confrontarsi sull'arte videoludica