Nuovo trailer live-action per Deus Ex: Mankind Divided

Il nuovo trailer, recentemente rilasciato da Eidos Montreal, è un cortometraggio live-action

scritto da
Vota questo articolo
(4 Voti)
PS4 XONE PC
Un nuovo, splendido trailer per l'attesissimo titolo Eidos! Un nuovo, splendido trailer per l'attesissimo titolo Eidos!

L'apartheid meccanica. E' questo il titolo dato all'ultimissimo trailer relativo al gioco Deus Ex: Mankind Divided, il sequel del bellissimo Human Revolution. A conti fatti, quest'ultimo non è un semplice trailer illustrativo, ma risulta essere in tutto e per tutto un cortometraggio live-action con l'intento di suscitare una riflessione al giocatore, di provocarlo e di porgli delle domande, andando quindi oltre alla semplice presentazione di un titolo, ma ponendoci davanti ad una filosofia con cui il gioco sembrerebbe approcciarsi alla tematica dell'approdo della meccanica nella nostra vita quotidiana e, soprattutto, mostrandoci quanto la situazione socio-politica sia cambiata dai tempi di Human Revolution.

Nella storia di Mankind Divided, infatti, siamo nel 2027, e vediamo i cittadini di tutto il mondo soffrire e patire i deliri psicotici dovuti alla presenza di parti meccaniche nel loro corpo, che li porta ad attaccare i loro simili, iniziando una drammatica carneficina. Le conseguenze di questi attacchi improvvisi non si fanno aspettare, e il mondo comincerà a diffidare l'uno dell'altro, portando le alte sfere politiche ad erigere regole e normative severe, tra cui il Human Restoration Act, un provvedimento atto a dividere e ghettizzare i Potenziati (così vengono chiamati gli individui con parti meccaniche) dai Naturali, cioè gli umani senza modifiche corporali.

Difficile rimanere inermi davanti ad un trailer del genere, che riesce a lasciare un segno, mettendo su non solo un impianto narrativo di base per Mankind Divided, ma parlando e mettendo a nudo delle tematiche forti, che mettono in luce una filosofia nel trattare l'uomo e lo scontro con il diverso autoriale e degna delle migliori opere fantascientifiche. Coraggiosa ed azzeccata la scelta di usare location e attori veri per caratterizzare questo universo, molto più vicino alla nostra realtà di quanto pensiamo, e mostrare tutto ciò senza filtri e in maniera diretta, un vero e proprio gancio allo stomaco. Ci poniamo quindi, alcune domande: "Quanto possiamo controllare lo sviluppo tecnologico?", "Saremo capaci di fidarci l'uno dell'altro?", "Ciò che viene rappresentato, è solo finzione o campanello di allarme per qualcosa di ancora troppo sottovalutato?"

Sono quesiti forti, a cui non possiamo (ancora) rispondere, ma se sarà un'opera di questo tipo a porci delle domande del genere e continuare con il filone intrapreso in Human Revolution, possiamo aspettarci tantissimo da questo titolo, ambizioso più che mai, con la volontà di erigersi a grande opera provocatoria e riflessiva. Potremo verificare la potenza di queste grandi aspettative all'uscita del gioco il 23 agosto per PlayStation 4, Xbox One e PC.

Un trailer/cortometraggio che incorpora perfettamente lo spirito di questa saga!
Anthony Gatto

Anthony è un ragazzo che nutre una passione viscerale per i videogiochi sin da piccolo e che ha deciso di farne un lavoro, in cui mettere in risalto il suo amore per una forma d'arte che lo accompagna ormai da sempre e condividere con tutti la voglia di discutere e confrontarsi sull'arte videoludica