Ubisoft conferma che non vedremo nuovi capitoli di Assassin's Creed e Far Cry nel 2017

I due franchise necessitano di una rivoluzione e ciò potrebbe allungare i tempi di sviluppo.

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
PS4 XONE PC
L'attesa è più lunga del previsto. L'attesa è più lunga del previsto.

Assassin's Creed si è preso un anno sabbatico, che potrebbe estendersi a due. Lo stesso vale per Far Cry. Lo ha rivelato Ubisoft, confermando quanto detto la settimana scorsa ai microfoni di GameSpot. In quella sede, infatti, il publisher francese aveva parlato della possibilità che Assassin's Creed si facesse attendere per un altro anno, uscendo dunque non prima del 2018.

Il CEO Yves Guillemot è stato chiaro: il nuovo Assassin's Creed, molto probabilmente, non vedrà la luce nel 2017. Quello che abbiamo visto nello sviluppo del prossimo Assassin’s Creed era che avevamo l’opportunità di porta la serie ad un altro livello", ha precisato. 

Quindi ci siamo detti che ci serviva del tempo per renderlo un’esperienza fantastica. È stato possibile perché avevamo anche altri giochi. Tornerà quando sarà pronto.

Ha ribadito il concetto con IGN, citando anche Far Cry, Tommy Francois, editorial VP presso Ubisoft: al franchise toccherà la stessa sorte, ovvero dopo il capitolo Primal si prenderà un periodo di pausa. Crediamo che l’Alpha di questi giochi necessiti di essere completata un anno prima della loro uscita.

Stiamo provando a raggiungere questo risultato: Alpha una anno prima, più qualità e pulizia. Quindi se questo significa non avere un nuovo Assassin’s Creed o Far Cry nel 2017, così sia.

Insomma, il publisher vuole essere sicuro di presentare al pubblico un prodotto già avanzato nella sua fase di sviluppo per evitare equivoci. D'altronde quanto avvenuto con Watch Dogs 2 sembra dare ragione a Ubisoft.

Presentato pochi mesi prima del suo debutto sugli scaffali, quindi in una fase del suo sviluppo prossima alla conclusione, ha permesso agli sviluppatori di mostrare i veri muscoli del sequel del titolo uscito nel 2014.

Gabriele Laurino

Sono Gabriele, ma chiamatemi pure Gabbo. Universitario, stagista radiofonico e aspirante giornalista. Appassionato ovviamente di videogames, ma anche di cinema, letteratura, serie tv, anime, manga e comics. I generi videoludici che amo di più sono i gdr, i picchiaduro, gli sportivi e i free roaming. Il mio videogioco preferito in assoluto è indubbiamente Kingdom Hearts. Il mio obiettivo, al momento, è farmi strada in questo settore, in modo da poter unire l'esperienza giornalistica alla passione per i videogames.