Ubisoft rinnova il suo supporto a Rainbow Six Siege per un altro anno

I giocatori dell'FPS tattico avranno ancora pane per i propri denti.

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
PS4 XONE PC
La software-house continua il lavoro sul titolo multiplayer! La software-house continua il lavoro sul titolo multiplayer!

Rainbow Six Siege gode sin dal suo rilascio nell'ormai lontano dicembre 2015 di un cospicuo e costante numero di giocatori, che anzi ha visto un sostanziale aumento di utenti nel corso del tempo, come con The Crew e The Division, arrivando fino a 10 milioni di agenti pronti a combattere in partite tattiche e al cardiopalma.

Proprio in seguito a questo successo, la software-house ha dichiarato attraverso un post su Twitter di voler continuare a supportare questo popolato titolo ancora per un anno. Sarà così, quindi, che oltre alle tre espansioni che questo titolo ha visto ampliare la mole di contenuti, avremo ancora ulteriori elementi da poter osservare nel corso dei prossimi 12 mesi. Ovviamente, ancora non si sa nulla in merito a questi nuovi contenuti, ma si spera che possano portare delle migliorie sostanziose a quanto già è esistente nel titolo. 

La notizia è apparentemente molto semplice e quasi insignificante, ma potrebbe voler dire molto di più: innanzitutto, Ubisoft ha oculato molto bene il successo di questo titolo, soprattutto con il pubblico, ed indipendentemente dai problemi effettivi del titolo, dei numerosi difetti e del diniego totale della natura più classica della serie Rainbow Six, il gioco ha colpito nel segno e l'azienda non ha nessuna intenzione di mollare il colpo, forte anche del numero di utenti che hanno rafforzato i server del titolo. Da un punto di vista aziendale è un passo più che giusto, nonostante non servirà soltanto un anno ulteriore di sviluppo per migliorare i troppi problemi che affiggono il titolo e soprattutto non sappiamo cosa ancora possa offrire questo gioco al suo stato attuale.

Fonte: GameInformer.com

Anthony Gatto

Anthony è un ragazzo che nutre una passione viscerale per i videogiochi sin da piccolo e che ha deciso di farne un lavoro, in cui mettere in risalto il suo amore per una forma d'arte che lo accompagna ormai da sempre e condividere con tutti la voglia di discutere e confrontarsi sull'arte videoludica