Take-Two torna a parlare di Red Dead Redemption 2

Si torna a parlare dell'atteso seguito del western made in Rockstar Games.

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
PS4 XONE
Il publisher di Rockstar torna a parlare di questo atteso seguito! Il publisher di Rockstar torna a parlare di questo atteso seguito!

Si è chiacchierato tantissimo dell'annuncio di Red Dead Redemption 2 e del trailer rilasciato susseguentemente, che presenta nella sua aura misteriosa una grande forza evocativa degna del precedente, ancora ulteriormente se consideriamo il fatto che sia girato con grafica in-game. Impressionante, curioso ma appagante allo stesso tempo, proprio come Rockstar ha sempre fatto.

Avendo catturato le discussioni dei giocatori, Take-Two ne approfitta per ritornare a parlare del gioco e di ciò che sappiamo su di esso attraverso le parole del CEO Strauss Zelnick, che denota quanto la reazione dei giocatori sia stata molto ben accolta dal team e che persino la visibilità del trailer abbia ampiamente superato le aspettative, dimostrando perfettamente quanto le aspettative siano altissime. Zelnick inoltre aggiunge qualche parola in merito proprio alla decisione di produrre un sequel: "Il pensiero comune era che il Western non potesse assolutamente funzionare. Noi abbiamo adottato un punto di vista diverso, per il quale alcune volte gli Western catturano l'immaginazione del pubblico. Quando rilasciammo Red Dead Redemption, successe e i tempi erano adatti per quello. E penso che sia il tempo adatto per avere di nuovo una visione grande, ampia ed ottimistica dell'America - e non dev'essere necessariamente qualcosa di grazioso."

Penso sia abbastanza evidente come questa dichiarazione sia frutto di riflessioni dovute ai recentissimi risvolti socio-politici degli Stati Uniti che tutti conosciamo, viene quindi da pensare che se il titolo riuscirà ad avere questo tipo d'impatto nella rappresentazione del contesto e una certa critica al sistema che contraddistingue da sempre Rockstar e le sue narrazioni, sicuramente ci ritroveremo di fronte all'ennesimo capolavoro di questa software-house, che trascenderà il setting storico per comunicare anche con il presente, ripetendo il colpo grosso del primo, meraviglioso, capitolo.

Fonte: EGMNOW.com

Anthony Gatto

Anthony è un ragazzo che nutre una passione viscerale per i videogiochi sin da piccolo e che ha deciso di farne un lavoro, in cui mettere in risalto il suo amore per una forma d'arte che lo accompagna ormai da sempre e condividere con tutti la voglia di discutere e confrontarsi sull'arte videoludica