Brian Fargo si ritirerà dopo Wasteland 3

Il creatore della serie di Fallout, in un'intervista ad Eurogamer, annuncia il suo ritiro dalla scena dopo una lunga carriera piena di grandi titoli.

scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
PC PS4 XONE
Un'onorevole uscita di scena per l'uomo che ci ha regalato tante grandiose saghe. Un'onorevole uscita di scena per l'uomo che ci ha regalato tante grandiose saghe.

Dopo quasi quarant'anni nell'industria videoludica il papà di una delle più amate serie di tutti i tempi, Fallout, dopo aver portato a termine Wasteland 3 si ritirerà definitivamente, per potersi finalmente rilassare un po' di più, abbandonando l'impegnativo mondo dello sviluppo di videogiochi.

Brian Fargo è stato un personaggio chiave della storia dei vidogiochi, scrivendo e producendo titoli che sono rimasti impressi nelle memorie di una generazione di videogiocatori.

Parliamo di saghe come The Bard's Tale, Wasteland e il suo successore spirituale Fallout; molte altre sue creazioni, sebbene di altissima qualità, sono rimaste più sconosciute. In questi ultimi anni il game designer era tornato alla ribalta attraverso il crowfunding, con cui ha finanziato la produzione di Torment: Tides of Numenera, uscito quest'anno, e i sequel del suo amato Wasteland, uscito nel lontano 1988.

E sarà proprio con il terzo capitolo, previsto per il 2019, che Fargo ci saluterà ufficialmente. Nell'intervista non ha parlato di chi prenderà il suo posto a InXile Entertainment, ma confida nelle straordinarie capacità dei suoi collaboratori. C'è ancora tempo prima che arrivi il fatidico 2019, dal canto nostro non possiamo che augurare a Fargo una chiusura con il botto!

 

Fonte: Eurogamer

Lorenzo Gaetani

Un amante del Fantasy in tutte le sue sfumature, all'inizio coltivata attraverso la lettura, poi i primi computer, i primi giochi e la passione per questo nuovo mezzo narrativo. Inizia a macinare ore di gioco con classici come Aladdin, Diablo 2 e l’immortale Age of Empires 2. Arrivano altre piattaforme e altri videogiochi, ma i generi preferiti sono sempre gli RPG, adorando letteralmente, titoli recenti che hanno unito al fantasy classico le atmosfere cupe di Lovecraft come Darkest Dungeon e Dark Souls Saga.