Ken Levine parla del suo prossimo videogioco

Levine vuoole sviluppare qualcosa di diverso dai Bioshock, qualcosa di più difficile che stringa un legame duraturo con il videogiocatore

scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
PC PS4 XONE
Una nuova direzione per il papà dei Bioshock Una nuova direzione per il papà dei Bioshock

In un'intervista Ken Levine, a cui si devono Bioshock e Bioshock Infinite, ha parlato della direzione che vuole imprimere al suo prossimi videogioco.

In particolare parla di una gran voglia di sviluppare un gioco che stringa un legame più forte col videogiocatore, i titoli appena sviluppati hanno richiesto svariati anni per esser completati, mentre ai giocatori bastava una settimana per esaurirli. Questa volta il designer vorrebbe un gioco che sia più difficile e di lunga durata; ha parlato di uno dei suoi titoli preferiti, Civilization, che accompagna i fan per centinaia di ore, lui stesso ci si è divertito per moltissimo tempo.

Ha aggiunto che tra i punti di riferimento del nuovo progetto ci sono due recenti innovazioni del media videoludico: il nemesis system di Shadow of Mordor, decisamente una delle caratteristiche più convincenti del titolo, e al metodo narritivo su cui incentra il gioco episodico The Walking Dead di Telltale.

Levine non ha detto molto altro, dicendo che al momento il suo team non definito con certezza cosa ci sarà nel gioco, e che quando avranno definito le caratteristiche principali saranno felici di parlarne con al community.

 

Fonte: vg247

Lorenzo Gaetani

Un amante del Fantasy in tutte le sue sfumature, all'inizio coltivata attraverso la lettura, poi i primi computer, i primi giochi e la passione per questo nuovo mezzo narrativo. Inizia a macinare ore di gioco con classici come Aladdin, Diablo 2 e l’immortale Age of Empires 2. Arrivano altre piattaforme e altri videogiochi, ma i generi preferiti sono sempre gli RPG, adorando letteralmente, titoli recenti che hanno unito al fantasy classico le atmosfere cupe di Lovecraft come Darkest Dungeon e Dark Souls Saga.