Gearbox vuole un regolamento migliore per G2A

In questi giorni era stata annunciata una collaborazione tra Gearbox e G2A che però si è rivelata troppo vincente per lo studio e quest'ultimo esige regole migliori per il rivenditore o la collaborazione verrà conclusa.

scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
PC PS4 XONE
G2A, il volto del grey market delle chiavi di videogiochi G2A, il volto del grey market delle chiavi di videogiochi

Per promuovere il suo Bulletstorm: Full Clip, Gearbox aveva intenzione di unire le forse con il rivenditore di chiavi G2A, quest'ultimo avrebbe potuto vendere poco più di cinquanta edizioni Collector's in esclusiva.

Però ora lo studio esige delle regole più sicure, che tutelino sia gli acquirenti che gli sviluppatori dei giochi, viste anche le numerose accuse di frode da parte del sito. In particolare G2A è stato accusato più volte di comprare le chiavi che rivende con carte di credito rubate o clonate.

Il rappresentante del sito per ora non si è sbilanciato; ma Gearbox vuole delle certezze, e le vuole in tempi brevi, o minaccia di ritirare l'edizione esclusiva di Bulletstorm: Full Clip al fine di impedirne la vendita.

Le regole ruotano intorno ai concetti di maggiore tutela dei clienti, come non porre il G2A Shield (una specie di assicurazione sull'acquisto) come opzione con un prezzo proprio ma includerlo in ogni acquissto gratuitamente. Anche da parte degli sviluppatori ci dovrà essere modo di avere una forma di controllo sulle chiavi in vendita. Il servizio del sito dovrà infine essere più trasparente per consentire una più facile individuazione di utenti fraudolenti.

G2A sta lavorando su diverse migliorie da apportare al servizio e nei prossimi mesi si potranno già vedere i primi grossi cambiamenti.

 

Fonte: vg247

Lorenzo Gaetani

Un amante del Fantasy in tutte le sue sfumature, all'inizio coltivata attraverso la lettura, poi i primi computer, i primi giochi e la passione per questo nuovo mezzo narrativo. Inizia a macinare ore di gioco con classici come Aladdin, Diablo 2 e l’immortale Age of Empires 2. Arrivano altre piattaforme e altri videogiochi, ma i generi preferiti sono sempre gli RPG, adorando letteralmente, titoli recenti che hanno unito al fantasy classico le atmosfere cupe di Lovecraft come Darkest Dungeon e Dark Souls Saga.