Call of Duty: WWII dice addio alla rigenerazione della salute

A quanto pare il titolo promette di essere più impegnativo...

scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
PS4 XONE PC
Solo alcuni personaggi potranno aiutarci! Solo alcuni personaggi potranno aiutarci!

Dopo aver svelato il primo trailer dedicato al ritorno della serie, che potete osservare in calce all'articolo, arrivano nuove informazioni su Call of Duty: WWII. La prima riguarda un sistema di gioco entrato a far parte della saga dal 2005 con Call of Duty 2, stiamo parlando della rigenerazione automatica della salute. Stando ad un articolo di Polygon, quest'ultimo non sarà presente nella nuova avventura.

A dichiararlo è proprio il co-fondatore di Sledgehammer Games, Glen Schofield, aggiungendo che "dovrete preoccuparvi di ogni proiettile. Non siete un supereroe, non potete beccarvi dei colpi, accovacciarvi, e poi partire all'attacco.". A quanto pare un modo per recuperare la salute sarà grazie all'aiuto dei nostri alleati, a suggerirlo è un'intervista di GamesRadar. In questa occasione è Michael Condrey a parlare, dicendo che ci saranno diverse meccaniche grazie alle quali i nostri compagni ci potranno dare una mano.

"alcuni membri della squadra hanno delle caratteristiche particolari che potranno aiutarci. E se vi trovate vicino a uno di questi personaggi e avete bisogno di aiuto, potete farlo." ha dichiarato al sito. In questo modo ci si allontana dall'idea del super soldato, Condrey ha infatti aggiunto che in questo modo il gioco di squadra diventerà praticamente essenziale per sopravvivere. Anche perché, ha poi aggiunto che in alcune parti della storia questi alleati potrebbero non essere disponibili. In queste situazioni, il giocatore dovrà stare attento ad ogni sua azione.

Prima di salutarvi con il nuovo trailer di Call of Duty: WWII vi ricordiamo che il titolo uscirà il 3 novembre per PlayStation 4, Xbox One e PC.

Francesco Giordano

Amante dei videogiochi da quando era bambino, ha iniziato la sua avventura con un Commodore 64. La sua prima esperienza nel mondo della redazione invece risale a qualche anno fa, saltando di sito in sito fino ad arrivare a Kingdomgame. I suoi generi preferiti sono i Giochi di Ruolo Giapponesi, Dungeon Crawler e di Avventura. Conosce anche qualche MMO, soprattutto quelli gratis, visto che non dovendo pagare se ne approfitta e, almeno per provare, li scarica. Pericolosissimi sono i giochi dove si possono creare personaggi, di solito tende a cancellare e iniziare nuovamente la partita per provare tutte le classi o altro, terminando tardi o proprio mai alcuni titoli.