The Lost Child è il nuovo titolo del director di El Shaddai

Il titolo è ambientato nello stesso universo di El Shaddai!

scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
PS4 PS VITA
In uscita solo su console Sony! In uscita solo su console Sony!

Un paio di giorni fa Takeyasu Sawaki, famoso per essere il director e character designer di El Shaddai, aveva annunciato di essere a lavoro su un nuovo titolo. Grazie alla rivista Giapponese Famitsu, è stato finalmente svelato l'arcano, il gioco è intitolato The Lost Child, ed è un classico RPG a turni. Sarà pubblicato da Kadokawa Games ed uscirà in estate solo su console Sony, nello specifico per PlayStation 4 e la portatile PS Vita. Al momento non ci sono ancora dichiarazioni su una probabile localizzazione occidentale.

Stando alle prime informazioni il gioco è ambientato nello stesso universo di El Shaddai, infatti apparirà anche Lucifel, anche se The Lost Child ha un'ambientazione moderna. Ma non è tutto, perché i nemici, chiamati Astrals, potranno essere catturati dal giocatore ed utilizzati come alleati. Al momento lo sviluppo del titolo è completo al 90%, quindi possiamo aspettarci un gran numero di notizie in futuro, visto che al momento è stato rilasciato solo un teaser trailer.

L'ultima informazione riguarda la trama, che ha come protagonista Hayato Ibuki, un giornalista che stava cercando informazioni su un caso di suicidio. Proprio durante una delle sue indagini, una misteriosa ombra nera lo spinge verso i binari di un treno, ma, per il rotto della cuffia, una donna, chiamata Barcia, lo salva. Prima di scomparire del nulla, questa darà ad Hayato una valigetta, che è in realtà il famigerato Vaso di Pandora, al suo interno troverà la pistola demoniaca Gangour, strumento tramite il quale si possono catturare sia angeli che demoni.

Dopo aver catturato i primi Astrals, Hayato conosce una ragazza chiamata Rua, che dice di essere un angelo. I due inizieranno ad investigare su alcuni misteri con l'obiettivo di ritrovare Barcia.

Fonte: Gematsu

Francesco Giordano

Amante dei videogiochi da quando era bambino, ha iniziato la sua avventura con un Commodore 64. La sua prima esperienza nel mondo della redazione invece risale a qualche anno fa, saltando di sito in sito fino ad arrivare a Kingdomgame. I suoi generi preferiti sono i Giochi di Ruolo Giapponesi, Dungeon Crawler e di Avventura. Conosce anche qualche MMO, soprattutto quelli gratis, visto che non dovendo pagare se ne approfitta e, almeno per provare, li scarica. Pericolosissimi sono i giochi dove si possono creare personaggi, di solito tende a cancellare e iniziare nuovamente la partita per provare tutte le classi o altro, terminando tardi o proprio mai alcuni titoli.