Gli indie non sono più abbastanza rilevanti, secondo Sony

Jim Ryan ha sfruttato una recente intervista per spiegare le motivazioni dietro la penuria di titoli indie presentati all'E3 2017

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
PS4
Sony non è più convinta degli indie game? Sony non è più convinta degli indie game?

A seguito della conferenza targata Sony tenutasi all'E3 2017 recentemente conclusosi, in molti hanno voluto evidenziare la penuria di titoli indie presentati durante l'evento, un cambio strategico di non poco conto se si pensa che, solo qualche hanno fa, Sony aveva a più riprese messo sotto i riflettori il suo interesse in questo peculiare mercato.

Viste le numerose domande poste sia dal pubblico che dalla critica specializzata, Jim Ryan, responsabile marketing e delle vendite di Sony Interactive Entertainment, ha voluto approfittare di un'intervista svoltassi presso GamesIndustry International per spiegare proprio il perché di una simile assenza. Qui di seguito potete leggere quanto dichiarato:

"Una delle cose più importanti che abbiamo capito nel corso di questi ultimi anni è che realizzare collage video con decine d'indie mostrati giusto per un minuto non ha ormai quasi nessun senso. Nessuno può davvero capire qualcosa di un gioco in così poco tempo, è quasi visto come uno spreco di tempo. Indubbiamente vi è stato un momento e uno spazio, nelle prime fasi di Playstation 4, adatto a fare certe dichiarazioni e presentazioni. Era più un modo per render chiaro che avremmo fatto sul serio riguardo agli indie, che ci saremmo impegnati anche nei loro confronti. No Man's Sky e via discorrendo si sono fatti tutti la loro nicchia, ma ora abbiamo tonnellate di contenuti indie sulla nostra piattaforma. Parlarne poteva essere accettabile nel 2013 o 2014, ma ormai sono decisamente meno rilevanti"

A quanto pare sembra insomma che, per Sony, il mercato videoludico indipendente non sia più sufficientemente rilevante per migliorare la situazione della propria console, attualmente concentrata su titoli di maggior spessore quali God of War, Detroit: Become Human e Day's Gone, un interessante punto di vista che va in netto contrasto con quanto fatto da Microsoft che, invece, nel corso della sua conferenza E3 ha voluto spingere l'acceleratore pronto verso il vasto mercato indie. E voi, come vi pone nei confronti delle dichiarazioni da Jim Ryan?

Luca Di Carlo

Sono un grande amante di videogiochi, cartoni animati, fumetti e dolci che preferisce passare la giornata a videogiocare piuttosto che a studiare per i corsi d'esame all'università; essendo anche un grande casanova, ho scoperto il mio primo vero amore dopo aver attaccato la spina della mia Playstation 1 alla corrente.