Fallout 4 ambientato a Boston?

Secondo Kotaku, sono documenti reali!

scritto da
Vota questo articolo
(3 Voti)
PC PS4 XONE

Ancora una volta, Fallout 4 torna a far parlare di se grazie a nuovi rumor trapelati sul web. A riportarli non è altri che il sito Kotaku, che tra le altre cose, conferma anche di poter accertare la veridicità dei documenti. Si tratta di una chiamata per il casting del gioco.

Questi documenti provengono da un progetto con nome in codice "Institute", e il director dietro al cast ha già lavorato altre volte ai titoli di Bethesda Softworks come Dishonored and The Elder Scrolls V: Skyrim. Fallout non è mai menzionato nei documenti, ma le location e il setting del gioco sono fortemente menzionate.

Nel documento relativo al personaggio di gioco ad esempio, troviamo la frase d'apertura "La Guerra. La guerra non cambia mai.", trattasi dunque della classica frase d'apertura utilizzata anche in Fallout 1,2 e 3.

Gli altri documenti invece, descrivono una missione ambientata nel "The Institute", la versione post-apocalittica del Massachusetts Institute of Technology. Anche un'altra location viene menzionata, The Commonwealth, luogo già sentito più volte nella serie Fallout ma mai visto. Alcuni indizi inoltre, farebbero pensare a Boston come location del gioco.

Quando Kotaku ha chiesto a Bethesda di rispondere in merito a questi documenti, la software house ha deciso di non commentare.

Domenico De Martino

Nel mondo dell’editoria digitale praticamente da sempre, cresce a pane e news per poi espandere i propri confini con recensioni, anteprime, speciali e rubriche. Gioca fin dalla tenera età ma solo con il tempo etichetta il mondo del gaming e della tecnologia ad arte, nel senso più stretto del termine. Non disdegna le console Microsoft e Nintendo ma la Sony avrà sempre un posto speciale per lui. Con gli anni si da anche al PC Gaming che ad oggi reputa il essenziale. Amante degli Adventure e degli Sparatutto, ha un occhio di riguardo anche per RPG in stile giapponese, gli Action e ultimi, ma non ultimi, gli Indie Games. La sua parola preferita è “Epico”.