PS4 e Xbox One si troveranno presto a corto di RAM

La RAM non è mai abbastanza secondo Sean Tracy di Crytek

scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)
PS4 XONE
Crytek è autrice di CryEngine, SDK per lo sviluppo di videogiochi Crytek è autrice di CryEngine, SDK per lo sviluppo di videogiochi

In molti si sono stupiti per gli 8 GigaByte di RAM equipaggiati dalle due nuove console di Sony e Microsoft, ma in pochi hanno realmente pensato all'esponenziale utilizzo della memoria nei videogiochi e nei servizi offerti dal sistema operativo delle due piattaforme. A far riflettere su questo aspetto è Sean Tracy, US engine business development manager in Crytek, affermando in una lunga intervista con GamingBolt.com che il limite imposto dalle nuove console può essere raggiunto molto presto.

"Per esempio, Xbox One utilizza parte della RAM per far funzionare l' OS. Poiché la tecnologia, come Ray Kurzweil afferma, progredisce in modo esponenziale, presto potremo scoprire che i requisiti computazionali dei giochi richiederanno l'utilizzo di diversi giga di ram. Abbiamo già avuto modo di gestire abbastanza intensamente la memoria con Ryse e questo sarà uno dei fattori limitanti in questa generazione", ha dichiarato Sean Tracy, continuando "Come l'hardware diventa più potente, anche la complessità delle scene può essere aumentata e il dinamismo al loro interno. Tuttavia, non è solamente la potenza pura a consentire una grafica fotorealistica, ma la tecnologia in grado di scalare in modo intelligente e utilizzare tutto ciò che l'hardware ha da offrire."

Tracy infine ha aggiunto: "Anche se PS4 e Xbox One non offrono un enorme salto rispetto alla generazione precedente in termini di potenza di elaborazione, l'utilizzo dell' APU di AMD all'interno di entrambe le piattaforme rappresenta un enorme passo avanti in termini di integrazione e capacità".

Un quadro senza ombra di dubbio chiaro, deciso, ma non ancora preoccupante, soprattutto se rapportato a quanto ottenuto nel tempo con l'ottimizzazione dei giochi per la passata generazione di console.

Federico D'Aco

'Old-School' è il termine che più lo rappresenta. Amante dei vecchi classici per console e computer, ha un debole per i titoli e le piattaforme targate Nintendo, alle quale non riesce proprio a dire di no. Qualcuno fra gli amici più stretti afferma di averlo visto possedere e giocare con console targate SEGA, Sony e Microsoft, ma le prove non sono ancora state pubblicate.