No More Heroes 3 è nei sogni di Suda51

Il terzo capitolo della serie potrebbe essere il prossimo progetto di Grasshopper o almeno, così ci auguriamo

scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)
WII U PS4 XONE
Un titolo che i fans Nintendo acquisterebbero ad occhi chiusi Un titolo che i fans Nintendo acquisterebbero ad occhi chiusi

Le collaborazioni con team esterni potrebbero essere la mossa vincente per il futuro di Nintendo. In queste ultime generazioni di console sono nati moltissimi nuovi brand, ai quali però i vari editori non hanno saputo o potuto offrire il giusto valore commerciale, abbandonandoli alle volte nel limbo dei progetti destinati a non vederne il sequel.

Lo sviluppo dei videogiochi è oltremodo costoso in questi ultimi tempi, soprattutto nella gestione di un progetto ambizioso. Bayonetta 2 è l'esempio perfetto per descrivere questa situazione, nato solo grazie alla preziosa collaborazione fra Nintendo e Platinum Games, i quali sforzi hanno saputo dar vita al videogioco più importante del 2014.

La stessa strada potrebbe essere percorsa da Grasshopper Manufacture con No More Heroes, brand nato dalla geniale mente di Goichi Suda (conosciuto anche come Suda51). Rilasciato in esclusiva - diciamo temporanea - su Wii, l'open world dalla bizzarra trama e dal gameplay fresco come una rosa ha saputo conquistare il cuore dei fans e del suo stesso ideatore, tanto da portarlo a riflettere in questi giorni su un ipotetico terzo capitolo.

"No More Heroes si è rivelato un grande successo rispetto a quanto ci aspettavamo e mi piacerebbe tornarci sopra rendendola una serie su cui porre grande attenzione. Ho spesso chiesto di fare un terzo gioco. In questo momento siamo impegnati con Let It Die, ma Travis è un personaggio su cui potremmo tornare anche fra dieci anni. Quando sarà il momento giusto, mi piacerebbe farlo" ha detto Goichi Suda in una recente intervista con EDGE, continuando a chiarire la situazione legata ai giochi violenti sulle console Nintendo:

"Erano molto favorevoli, soprattutto Nintendo America e Nintendo  Europa. In Giappone ed Europa abbiamo rilasciato una versione più leggera, dove le teste non volano come nella versione americana. I contenuti maturi sono presenti solo nella versione americana."

Ha così descritto la censura presente sulla versione giapponese ed europea di No More Heroes per Wii. Considerando titoli come Bayonetta 2, Fatal Frame ed il prossimo Devil's Third, Wii U si presenta come una console idonea a questo genere di videogiochi, sempre sperando che Grasshopper e lo stesso Suda51 siano disposti ad offrirgli la giusta chance, magari proprio con un edizione speciale contenente l'intera collezione.

Federico D'Aco

'Old-School' è il termine che più lo rappresenta. Amante dei vecchi classici per console e computer, ha un debole per i titoli e le piattaforme targate Nintendo, alle quale non riesce proprio a dire di no. Qualcuno fra gli amici più stretti afferma di averlo visto possedere e giocare con console targate SEGA, Sony e Microsoft, ma le prove non sono ancora state pubblicate.