Uncharted 4 a 60 fps? "Fottutamente difficile"

Ecco le dichiarazioni dei co-director del titolo Naughty Dog

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
PS4

Torniamo a parlare di Uncharted 4: A Thief's End. Qualche tempo fa vi avevamo mostrato un primo piano spettacolare di Nathan Drake, il protagonista della saga sviluppata da Naughty Dog. Siamo rimasti colpiti dagli eccezionali dettagli del volto di Nate e, consapevoli dell'ottimo comparto grafico delle precedenti esperienze in compagnia dell'archeologo, siamo sicuri che il quarto (e probabilmente ultimo) capitolo della serie sarà pregevole sotto questo punto di vista.

Gli amanti dei 60 fotogrammi per secondo potrebbero però rimanere delusi: vi riportiamo, infatti, le dichiarazioni di Bruce Straley e Neil Druckmann, co-director di Uncharted 4: A Thief's End, intervenuti durante un'intervista a Gameinformer, della quale potete ascoltare il podcast da questo link.

 Alla domanda sulla possibilità di veder girare Uncharted 4 a 60 fps, Straley ha risposto: "E' fottutamente difficile. Voglio dire, è così per ogni gioco. È stato molto difficile per The Last of us Remastered, e quello era un gioco che avevamo già completato. Noi sappiamo esattamente quale dev’essere il risultato finale, e stiamo cercando di andare oltre i confini di quello che i giochi fanno.” 

Difficile, quindi, ma non impossibile. Pur consci del fatto che non è la grafica a rendere grande un titolo, non ci resta che attendere il lancio di Uncharted 4: A Thief's End per scoprire a quanti fotogrammi per secondo potremo calarci nei panni di Nathan Drake.

Uncharted 4: A Thief's End non ha ancora una data di uscita ufficiale, ma sappiamo che sarà rilasciato nei mesi a venire come esclusiva Play Station 4. 

Uncharted 4: A Thief's End, trailer in italiano
Gabriele Laurino

Sono Gabriele, ma chiamatemi pure Gabbo. Universitario, stagista radiofonico e aspirante giornalista. Appassionato ovviamente di videogames, ma anche di cinema, letteratura, serie tv, anime, manga e comics. I generi videoludici che amo di più sono i gdr, i picchiaduro, gli sportivi e i free roaming. Il mio videogioco preferito in assoluto è indubbiamente Kingdom Hearts. Il mio obiettivo, al momento, è farmi strada in questo settore, in modo da poter unire l'esperienza giornalistica alla passione per i videogames.