Nuovi dettagli su Uncharted: The Nathan Drake Collection

Gli amanti del multiplayer resteranno delusi...

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
PS4
Pronti a (ri)sfidare l'ignoto? Pronti a (ri)sfidare l'ignoto?

Buone e cattive notizie per Uncharted: The Nathan Drake Collection, la raccolta che includerà la trilogia sviluppata da Naughty Dog su Playstation 3 completamente rivista e rimasterizzata ad opera di Bluepoint Games e che vedrà la luce su Playstation 4 il 7 ottobre 2015 (in attesa di Uncharted 4: A Thief's End, che arriverà invece nella primavera del 2016).

Innanzitutto, tramite i commenti apparsi sul blog Playstation, in seguito all'annuncio della Collection da parte di Sony, abbiamo appreso che nessuno dei tre titoli della Uncharted: The Nathan Drake Collection avrà un comparto multiplayer! Sembra che gli sviluppatori preferiscano concentrarsi sull'elemento single player. Una 'brutta notizia' per gli amanti del pvp, con la consolazione però che il lavoro di remaster sui titoli sarà estremamente accurato (parola degli addetti ai lavori), ma soprattutto perché chi effettuerà il pre order della raccolta avrà accesso alla beta multiplayer di Uncharted 4: A Thief's End.

Prenotando il gioco in edizione digitale, inoltre, avrete diritto a scaricare un esclusivo tema dinamico dedicato ad Uncharted, che è stato mostrato in video da un utente You Tube chiamato Iechuguin05. Qui di seguito potete visualizzare la clip per dare un primo sguardo al tema. Vi piace? Acquisterete la Uncharted: The Nathan Drake Collection?

Ecco il video che mostra il tema dinamico Uncharted
Gabriele Laurino

Sono Gabriele, ma chiamatemi pure Gabbo. Universitario, stagista radiofonico e aspirante giornalista. Appassionato ovviamente di videogames, ma anche di cinema, letteratura, serie tv, anime, manga e comics. I generi videoludici che amo di più sono i gdr, i picchiaduro, gli sportivi e i free roaming. Il mio videogioco preferito in assoluto è indubbiamente Kingdom Hearts. Il mio obiettivo, al momento, è farmi strada in questo settore, in modo da poter unire l'esperienza giornalistica alla passione per i videogames.