E3 2015: la Demo di Star Wars Battlefront girava a 900P

Giusto compromesso, limite hardware o difficoltà nel gestire il tempo per l’ottimizzazione?

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
PS4 XONE PC
DICE dovrà sfruttare i poteri Jedi per ottenere il massimo DICE dovrà sfruttare i poteri Jedi per ottenere il massimo

I ragazzi di Digital Foundry hanno svolto il proprio lavoro ed il risultato ottenuto potrebbe - in parte - deludere quei fans speranzosi di giocare il nuovo Star Wars Battlefront a 1080p sulla proprio console.

La versione demo del nuovo titolo legato alla serie di Guerre Stellari vista in occasione dell' E3 2015 di Los Angeles girava ad una risoluzione di 900p con anti-aliasing post-processo, al contrario dei 1080p visti in occasione del primo teaser trailer. Uno scenario ampiamente visto con Battlefield 4 ed il più recente Battlefield Hardline, i quali condividono con il nuovo Star Wars Battlefront il medesimo Engine e la responsabilità diretta del team DICE.

Digital Foundry ha evidenziato anche un problema di framerate della demo, il quale si aggira intorno i 40 – 50 fotogrammi per secondo nei match con 40 giocatori attivi, mentre scende fino a 30 fps nel caso in cui si controlli un mezzo come il Tie Fighter. Altri effetti grafici, la profondità di campo e tutte quelle fantasticherie viste nel primo filmato teaser, ovviamente sembrano andati parzialmente persi o "limati" con la demo vista girare su PlayStation 4.

La build vecchia e magari frettolosamente messa insieme in occassione dell'importante evento, potrebbe aver dato origine ai problemi evidenziati in questa analisi, ma è anche possibile che il target render visto inizialmente fosse applicabile alla sola versione PC, pronta a giovare delle maggiori prestazioni hardware messe a disposizione dell'utente.

Senza ombra di dubbio c'è ancora diverso tempo da sfruttare per poterci lavorare prima del lancio ufficiale sul mercato; questo potrà aiutare a risolvere alcuni di questi problemi, anche se in fondo… il fascino di Star Wars saprà superare ogni tipo di incertezze.

Federico D'Aco

'Old-School' è il termine che più lo rappresenta. Amante dei vecchi classici per console e computer, ha un debole per i titoli e le piattaforme targate Nintendo, alle quale non riesce proprio a dire di no. Qualcuno fra gli amici più stretti afferma di averlo visto possedere e giocare con console targate SEGA, Sony e Microsoft, ma le prove non sono ancora state pubblicate.