Doom: alpha test multiplayer programmati su PC, Xbox One e PS4

A breve saranno attivi i primi test per le sessioni multiplayer dell’attesissimo sparatutto

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
PC PS4 XONE
Trasformiamoci in demoni e facciamo vedere di che pasta siamo fatti Trasformiamoci in demoni e facciamo vedere di che pasta siamo fatti

Il ritorno di Doom sulla scena videoludica si è trovato esattamente al centro della QuakeCon 2015, tenendo saldamente le redini del live show di apertura. In questa occasione Bethesda ha reso noto che i test con la fase alpha della modalità multigiocatore avranno inizio a breve, coinvolgendo alcuni videogiocatori su PlayStation 4, Xbox One e PC, in manierà del tutto casuale.

Durante i prossimi mesi saranno dunque scelti alcuni giocatori che hanno partecipato alla sessione beta di Wolfenstein The New Order, incoraggiando di conseguenza tutti coloro che sono in possesso di un codice beta di questo titolo, a riscattarlo il prima possibile tramite questo indirizzo web: www.wolfenstein.com/doom. Nel caso in cui si sia acquistata la versione digitale invece, tutto ciò avverrà in maniera automatica e senza interventi da parte dell'utente.

I partecipanti al QuakeCon 2015 che hanno potuto mettere mano sulla versione giocabile di quest’alpha, si sono detti entusiasti della solidità dell’ idTech 6 Engine che muove il nuovo Doom, con un’azione stabile ad almeno 60 frames al secondo. Molto convincente sembra essere anche il gameplay, che mette in mostra una buona fusione tra vecchie e nuove filosofie sul genere degli FPS.

Non ci resta che attendere l’ingresso per i test alla versione alpha, in modo da poter esprimere con cura un primo giudizio sul multiplayer di Doom.

Federico D'Aco

'Old-School' è il termine che più lo rappresenta. Amante dei vecchi classici per console e computer, ha un debole per i titoli e le piattaforme targate Nintendo, alle quale non riesce proprio a dire di no. Qualcuno fra gli amici più stretti afferma di averlo visto possedere e giocare con console targate SEGA, Sony e Microsoft, ma le prove non sono ancora state pubblicate.