Nintendo Treehouse: annunciato un nuovo crossover di casa Atlus

Tokyo Mirage Sessions #FE arriva al Treehouse di Nintendo.

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
WII U

Il nuovo crossover di casa Atlus, Tokyo Mirage Sessions #FE, è un titolo che mescola elementi di Fire Emblem assieme a Shin Megami Tensei; viene mostrata una prova giocata del titolo, in cui si entra immediatamente in un dungeon dove affronteremo due nemici molto grossi e ostici all'interno di un'arena, in cui verrà messa alla prova la tatticità del gioco nel combattimento a turni e la fondamentale collaborazione tra i vari membri del party: nel gioco infatti potremo attaccare in gruppo per fare ancora più danno ai nemici. Alcuni attacchi potranno addirittura non procurare alcun danno, quindi sarà fondamentale calcolare bene la propria prossima mossa. Potremo stordire i nemici portando un vantaggio alla nostra squadra. In seguito alle battaglie potremo guadagnare nuove abilità grazie alle Performa, degli oggetti che ci verranno consegnati ad ogni fine battaglia. Potremo anche seguire delle missioni secondarie durante il gioco. Potremo creare, all'interno del gioco, nuove armi sempre più potenti da utilizzare in combattimento, equipaggiabili sin da subito, imparare abilità passive e cambiare classe con cui giocare. All'interno dei dungeon potremo trovare dei Miraggi, che potremo stordire per passare avanti oppure affrontare in combattimento per salire di livello. Oltre ai nemici si potranno trovare dei puzzle da risolvere, che daranno un po' di varietà in più alle missioni che affrontiamo.

Un crossover tra due grandi serie tra gli RPG odierni che sicuramente desta curiosità da entrambe le parti, grazie ad un comparto tecnico piuttosto buono accompagnato da un gameplay solido e ben costruito. Un esperimento bizzarro ed affascinante, che potremo vedere in esclusiva su Wii U dall 24 giugno 2016 in Nord America ed Europa e il 25 giugno 2016 in Australia.

Anthony Gatto

Anthony è un ragazzo che nutre una passione viscerale per i videogiochi sin da piccolo e che ha deciso di farne un lavoro, in cui mettere in risalto il suo amore per una forma d'arte che lo accompagna ormai da sempre e condividere con tutti la voglia di discutere e confrontarsi sull'arte videoludica