Jim Sterling subisce un attacco ddos per il voto dato a Zelda BotW

Il critico videoludico americano subisce una pesante ritorsione dopo aver assegnato un voto considerato "basso" da alcuni fan.

scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
NINTENDO SWITCH WII U PC
Forse una reazione un tantino esagerata Forse una reazione un tantino esagerata

Il controverso giornalista videoludico si è trovato nuovamente al centro di forti critiche dopo aver assegnato a Zelda: Breath of the Wild un "misero" 7 su 10. Questo ha abbassato lo score medio del gioco su Metacritic di un punto. Alcuni fan non l'hanno presa per niente bene ed è stato avviato un attacco al sito di Sterling paralizzandolo per diverso tempo.

Le discussioni sono impazzate sui social, insieme alle teorie più o meno complottiste. Molti fan della grande Enne hanno attribuito il comportamento del giornalista ad una ripicca nei confronti della stessa per dei reclami legati al copyright riguardanti i suoi video, cosa che capitò a molti yotuber, anche piuttosto famosi, in un certo momento.

Forse è così o forse il critico ha maturato una diversa opinione del gioco rispetto alla maggior parte dei colleghi. Comunque è importante ricordare che una recensione è uno strumento, non è una verità assoluta, come non lo è il voto numerico, che a volte acquista una sfumatura di feticismo. Per avere un'idea chiara vanno sempre lette più recensioni e ascoltati diversi pareri. A prescindere da tutto possiamo divertirci a giocare anche se non abbiamo tra le mani "il miglior videogioco del mondo!" e possiamo detestarne un altro anche se non è "il peggior gioco di sempre". Ad ognuno la sua insomma!

Fonte: vg247

Lorenzo Gaetani

Un amante del Fantasy in tutte le sue sfumature, all'inizio coltivata attraverso la lettura, poi i primi computer, i primi giochi e la passione per questo nuovo mezzo narrativo. Inizia a macinare ore di gioco con classici come Aladdin, Diablo 2 e l’immortale Age of Empires 2. Arrivano altre piattaforme e altri videogiochi, ma i generi preferiti sono sempre gli RPG, adorando letteralmente, titoli recenti che hanno unito al fantasy classico le atmosfere cupe di Lovecraft come Darkest Dungeon e Dark Souls Saga.