Lego City Undercover arriva su Pc con gravi problemi tecnici

Il porting Pc di Lego City Undercover è un disastro:crash, impossibilità a scegliere la risoluzioni, bug e numerosi problemi lo rendono quasi ingiocabile per molti utenti.

scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
PC WII U NINTENDO SWITCH
TT Games ci casca di nuovo, è proprio un viziaccio! TT Games ci casca di nuovo, è proprio un viziaccio!

I giochi della serie Lego City hanno avuto hanno avuto qualche difficoltà ad arrivare su Pc senza problemi nel corso degli anni, eppure sembrava che nel 2016 TT Games fosse riuscita a confezionare dei buoni porting, invece con LC Undercover si è tornati a livelli pessimi.

Il gioco è uscito ieri nella sua versione Pc, ricordiamo che si tratta di un titolo uscito ben 4 anni fa su Wii U, e gli utenti si sono trovati di fronte ad uno scenario terrificante. Impossibilità di cambiare opzioni grafiche, risoluzione fissata a 1280X1024 e addirittura crash in caso si minimizzi il gioco usando lo shortcut ALT+Tab.

Per gli utenti Nvidia sembra che provare a cambiare le opzioni grafiche preimpostate porti ad una schermata nera, al massimo con un overlay di alcuni elementi dell'HUD visibili. Il gioco non supporta lo scaambio di controlli da mouse e tastiera a pad in-game, azioneeseguibile solo nell'apposito menù.

Altro lato frustrante del titolo è la cinematica dintroduzione, non saltabile, che mostra delle immagine fisse senza che ci siano caricamenti in background, arrivando a durare un minuto; questo ha allungato ulteriormente il tempo di inattività dovendola rivedere ad ogni crash del gioco.

 

Warner Bros, proprietaria di TT Games, purtroppo ha una lunga storia di cattivo supporto delle versioni Pc di molti titoli, questo Lego City Undercover è solo l'ennesimo adattamento venuto male. Speriamo di non dover trattare notizie del genere in futuro e che Warner Bros cambi politica riguardo ai porting su Pc.

Fonte:  Rock Paper Shotgun

Lorenzo Gaetani

Un amante del Fantasy in tutte le sue sfumature, all'inizio coltivata attraverso la lettura, poi i primi computer, i primi giochi e la passione per questo nuovo mezzo narrativo. Inizia a macinare ore di gioco con classici come Aladdin, Diablo 2 e l’immortale Age of Empires 2. Arrivano altre piattaforme e altri videogiochi, ma i generi preferiti sono sempre gli RPG, adorando letteralmente, titoli recenti che hanno unito al fantasy classico le atmosfere cupe di Lovecraft come Darkest Dungeon e Dark Souls Saga.