Nintendo TVii tarda ancora in Europa

Pazienza è il nome d'arte dei possessori di Wii U nel vecchio continente

scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)
WII U
A breve nuovi aggiornamenti sul futuro di questo servizio A breve nuovi aggiornamenti sul futuro di questo servizio

C'è poco da fare: Nintendo è in forte ritardo con quando avrebbe voluto fare su Wii U, sia in termini puramente ludici, che in servizi al consumatore.
Nintendo TVii è stata una delle features più gettonate alla presentazione della console, una funzione capace di far gestire all'utente il proprio palinsesto televisivo, con annessa interazione.
Tale features, piuttosto simile a quella presente sulla neonata Xbox One, è già presente in Giappone e in America, ma si trova in estremo ritardo in Europa.

Con un chiaro messaggio di scuse sul sito web ufficiale, Nintendo tiene a precisare che il servizio è ancora una priorità per la compagnia, forse rallentata dalle localizzazioni e dalle estreme differenze con i servizi televisivi dei vari paesi appartenenti alla comunità europea. In attesa di scoprire nuove informazioni, vi lasciamo in compagnia del comunicato ufficiale:

Nintendo TVii ti consente di cercare, guardare e interagire con i tuoi film e programmi televisivi preferiti in un modo rivoluzionario.

Usando il Wii U GamePad puoi cercare programmi e consultare i palinsesti tramite i servizi a cui sei abbonato, inclusi canali via satellite e via cavo o servizi video on-demand.

Desideriamo scusarci per non essere stati in grado di offrire il servizio Nintendo TVii in Europa entro il 2013, come inizialmente pianificato.

Comunicheremo prossimamente ulteriori notizie relative a questo servizio.
                          

Federico D'Aco

'Old-School' è il termine che più lo rappresenta. Amante dei vecchi classici per console e computer, ha un debole per i titoli e le piattaforme targate Nintendo, alle quale non riesce proprio a dire di no. Qualcuno fra gli amici più stretti afferma di averlo visto possedere e giocare con console targate SEGA, Sony e Microsoft, ma le prove non sono ancora state pubblicate.