Nintendo: Satoru Iwata si dimezza lo stipendio

Inoltre un portavoce ha smentito le voci che vedevano la compagnia pronta a sviluppare qualcosa su smartphones e tablet

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
3DS WII U MOBILE
Azione fatta probabilmente per scusarsi Azione fatta probabilmente per scusarsi

Il presidente di Nintendo, Satoru Iwata, dimezzerà il suo stipendio a partire da febbraio fino al mese di giugno. A quanto pare ha preso questa decisione dopo gli ultimi problemi finanziari della compagnia. Ma non sarà solo in questa iniziativa, perché anche altri membri vedranno dimezzare il proprio salario, un esempio sono Shigeru Miyamoto e Genyo Takeda.

Ovviamente dopo questo periodo si riorganizzeranno i pagamenti in base alle nuove performance economiche della compagnia. Ma non è finita qui, perché tramite un portavoce si smentiscono ufficialmente tutte le voci che vedevano Nintendo lavorare su demo e titoli dedicato agli smartphones e tablet. Ecco la dichiarazione ufficiale:

"l'articolo scritto da Nikkei contiene dichiarazioni che Iwata aveva fatto durante conferenze ormai passate. Anche quelle che riguardavano il rapporto con la compagnia verso il mondo mobile. Comunque il presidente Nintendo ha affermato che non ha intenzione di sviluppare titoli per smartphones e tablet e posso confermare che non stiamo progettando nulla dedicato al mondo dei dispositivi mobile.".

Francesco Giordano

Amante dei videogiochi da quando era bambino, ha iniziato la sua avventura con un Commodore 64. La sua prima esperienza nel mondo della redazione invece risale a qualche anno fa, saltando di sito in sito fino ad arrivare a Kingdomgame. I suoi generi preferiti sono i Giochi di Ruolo Giapponesi, Dungeon Crawler e di Avventura. Conosce anche qualche MMO, soprattutto quelli gratis, visto che non dovendo pagare se ne approfitta e, almeno per provare, li scarica. Pericolosissimi sono i giochi dove si possono creare personaggi, di solito tende a cancellare e iniziare nuovamente la partita per provare tutte le classi o altro, terminando tardi o proprio mai alcuni titoli.